non giovanni - L'ultimo scritto

Descrizione L'ultimo scritto

I complimenti che ti senti dire Hanno a che vedere col fallire E la tua scorza che per forza punge Di compiacersi dunque troppo finge. Quantunque fosse che le mosse ignare Debbano un plauso meritare Tu decidi che se ridi vivi, E sei contento tra gli appellativi Soltanto se nel pianto una carezza Spazza via lo sguardo che disprezza. Nel mondo che di fondo ha solo male Si cerca quel senso che più vale. Sancisce e ribadisce questo scritto Che compiacenza no, non è un diritto Che ad ogni scatto se un riscatto pronto Non è pronto non è saldo il conto, del resto se non questo il fine primo che senza ti deprimi e mi deprimo qual si addice a chi conduce questo show sulle rive di desolation row. Del resto nati e amati dalla gente Oltre a loro non abbiamo niente E attori o spettatori che noi siamo L’un l’altro ancor ci generiamo. Assunto che sei giunto a questo punto Più vicino agli occhi del tramonto Comprendo e in più difendo il tuo bisogno, Passando sul dubbio che sia un sogno, di un piccolo trabiccolo d’amore che ti sappia in questo tempo accompagnare, che questi che detesti sono i giorni passati non dentro ma ai contorni. Ti sembra d’ombra tutto il tuo vagare E niente speri, niente hai da cambiare Se intanto a volte accanto all’avvenire Non si presenta chi sappia capire, e capito che il nemico maggiore è se stessi ed il proprio timore immane poi rimane l’aggrapparci a chi un poco d’amore possa darci.

Album che contiene L'ultimo scritto

album non giovanni - estratti da ballate di fine inverno - non giovanninon giovanni - estratti da ballate di fine inverno
2006 - Cantautore
Vai all'album

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati