Il nucleo del progetto ondamedia nasce nel 1996, quando Patrizio D’Andrea e Fabrizio Collacchi iniziano a comporre insieme alcune canzoni. Nel 1998 ne entrano a far parte Alberto Foddai, Roberto Piccirilli e poco dopo Massimiliano De Castro. Viene scelto il nome ondamedia a simboleggiare il fatto che la musica mediava la diversità di ognuno dei componenti della band. Con questa formazione, nel 1999 gli onda media registrano il loro primo demo, “Un giardino che non c è”, e la band inizia a esibirsi dal vivo. Nel 2000 prende il via la registrazione de “La nostra scatola”, secondo demo del gruppo, che ottiene riscontri positivi: la band viene anche selezionata dalla casa discografica “Storie di note” per entrare a far parte dell’iniziativa “Osservatorio permanente sulla canzone d’autore”. Nel 2002 prende vita il terzo demo del gruppo, “Ondamedia”, che viene inserito nella programmazione di diverse radio locali. Nel 2004, con l’ingresso nell’Associazione NOSLAPPERS, che promuove la musica originale nella capitale, si intensifica notevolmente l’attività live. Nel 2006 la band inizia la collaborazione con la Udu Records di Firenze, che partecipa come coproduttore al primo disco in studio, “Niente è come sembra”. Nello stesso anno gli ondamedia collaborano alla compilation “Mas che never” (UDU Records), che contiene le cover riviste e stravolte di alcuni brani di Luis Miguel, con il rifacimento di “Sol arena y mar”. Nell'autunno del 2008, a seguito di un difficile periodo causato dall’uscita del gruppo di Patrizio D’Andrea, la band inizia a scrivere del nuovo materiale : lentamente prende vita un concept album autobiografico, sulla perdita di se stessi e sul difficile cammino rappresentato dalla continua ricerca della propria identità, respiro dopo respiro. Nell’inizio del 2009 gli ondamedia iniziano la registrazione del concept allo studio BlueTrip di Francesco Gagliardini con Simone Empler; il missaggio del materiale registrato viene realizzato da Mirko Cascio presso gli Stemma Studios, mentre il mastering viene realizzato presso lo studio Cantoberon. Il 13 novembre 2010 esce ufficialmente il secondo disco degli ondamedia, dal titolo “Lungo strade senza volto”, interamente autoprodotto e distribuito tramite www.incidi.net e i principali store digitali (Napster, iTunes, etc).