Paolo Conte - Testo Lyrics Teatro

Testo della canzone

Dorme un teatro
Scolpito al centro di un’agricola contrada
Tanto qui nessuno si dispera
Ei pera, pera
Anticamente
Si sguainavano là dentro le parole
Uccidere il tirano questa sera
Ei pera, pera


Tiranni, Oreste, Saul
Criniere antiche di tragedia e là
Là nel vuoto fulvo, caotico Elettra
Vive, recita, si muove
Ah ma no, la Mirra, no
Non ha il tiranno, invece sì, ce l’ha
È lui, l’amore, l’oscuro destino
Sessuale, il suo sogno d’inferno, sì


Spariva la città
Tra le sue torri e le tempeste
Del teatro un vento marinaio
Volando la campagna, tra Genova e Savona
Le girava in Spagna
E il teatro cominciava così il suo sonno
Nei tempi moderni, dai tempi moderni avvilito
Lasciato, abbandonato così


Anticamente era l’idea
Di un teatro in mezzo al grano
Come una bevanda solto il sole
Ei pera, pera
Dorme un teatro
Il sangue finto per il sogno di Vittorio
Rosso come il vino del sipario
Ei pera, pera
Ei pera, pera
Ei pera, pera

Album che contiene Teatro

album Una faccia in prestito - Paolo ConteUna faccia in prestito
1995 - Jazz CGD Eastwest
Vai all'album

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati