PEACEMAKER Peacemaker… "costruttore di pace" o "pistola revolver"? Motto pacifista o sottile ironia? Se lo scoprite fatecelo sapere. Nonostante un nome problematico, un gioco di parole forse più grande di noi, sbagliato oltre ogni misura, i PeaceMaker sono riusciti a districarsi nella giungla musicale dei giorni d'oggi e si presentano con un repertorio misto fra cover e pezzi propri. In quanto alle prime, seguendo la falsariga del genere rock anni '60/'70, in quanto ai secondi non fossilizzandosi in un genere particolare ma spaziando beffardamente da una parte all'altra. L'inconfondibile sound degli anni '70, caratterizzato da un'ipnotica hammond e chitarra distorta, accompagnano pezzi originali che spaziano dal progressive rock, hard rock e blues, (tra cui ricordiamo: The ice's call, Postman's sons' blues, Ribellion Called Rock 'n' Roll, Mushroom to Understand) e cover, riportando alla luce i simboli di quell'epoca: Jimy Hendrix, Deep Purple, SteppenWolf, etc. In seguito alla vittoria dell'edizione 2006 della "Festa dell'Arte" di Cesena, indetta da Radio Studio Delta, i PeaceMaker registrano un singolo nel Tam Tam Studio (dove tra l'altro registrarano anche i Luna Pop), passando in varie Radio Locali, tra cui Radio Studio Delta, con "Ribellion Called Rock 'n'Roll". Oggi, oltre a vantare numerosi eventi dal vivo, la band è stata preselzionata dalla Coca-Cola per il Music SoundWave Contest.