Perturbazione - Testo Lyrics Il materiale e l'immaginario

Testo della canzone

Preferisco di gran lunga
la pietà allo stile
che mi tira per la giacca
e non mi fa dormire

preferisco di gran lunga
la pazienza all'odio
che trabocca dalle marce
del motore nel mattino
come andare sempre in quarta
come non fare la fila
quale strada è meglio scegliere
per non stare fermi in coda

chissà perchè
io faccio sempre male i conti?

preferisco di gran lunga
la bellezza inconsapevole
di una coppia di ragazze
che conversano lontano
alle facce toste indomite
che le spogliano con gli occhi
agli antipodi del sole
della seduzione

chissà perchè
io faccio sempre male i conti?
chissà cos'è
che mi fa ridere?

preferisco di gran lunga
la pietà allo stile
che mi tira per la giacca
e non mi fa dormire
dove mettere le mani
come stringere le mani
quale genere di faccia
indosserò domani?

chissà perchè
io faccio sempre male i conti?
chissà cos'è
che mi fa ridere?

Album che contiene Il materiale e l'immaginario

album Canzoni allo specchio - PerturbazioneCanzoni allo specchio
2005 - Cantautore, Rock, Alternativo Mescal, Sony BMG
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati