Il progetto nasce nel 2005 dalla mente di Piergiorgio Bonezzi, chitarrista, pianista nonché frontman della band. Con lui Roberto Panisi (basso), Giulio Martinelli (chitarra) ed Enrico Maria Bertani (batteria).
L’esordio live sul palco di Luciano Ligabue al Campovolo di Reggio Emilia avvicina la band a Paolo Benvegnù che, impressionato dalla loro musica, decide di produrne il primo album e consente loro di aprire i concerti di importanti artisti italiani quali Verdena, Modena City Ramblers e lo stesso Benvegnù.
“AD UN CENTIMETRO DAL SUOLO” esce il 21 novembre 2011 è un disco di 11 tracce prodotte e registrate da Paolo Benvegnù per Still Fizzy Records. Versatile e coinvolgente il disco richiama le sonorità dell’indie rock italiano targato 90’s, combinando la melodia malinconica di tracce quali “Le Notti Bianche” con il pungente suono di “Spine” per trovare carattere e ricerca nel primo singolo estratto “Il Paese Degli Idioti”.
Dopo 3 anni di concerti, che hanno portato i Piccoli Omicidi a coprire in lungo e in largo l’Italia, è uscito, il 27 febbraio 2015, il secondo lavoro discografico della band, dal titolo “PICCOLI OMICIDI”, sempre per Still Fizzy Records.
La produzione, questa volta, è affidata a Piergiorgio Bonezzi e Michele Pazzaglia (Paolo Benvegnù), ma hanno collaborato alla realizzazione dell’album, lo stesso Paolo Benvegnù, Francesco Moneti (Modena City Ramblers) e Luca Roccia Baldini. 10 nuovi brani caratterizzati da una svolta più rock e personale, anticipati dall’uscita del singolo “Sole e Venerdì”, la scorsa estate.