Tablo e Claudio Gurra decidono di esorcizzare l’arrivo dell’inverno intraprendendo un viaggio nel mondo acustronico. Lo hanno chiamato “Protosamba”. Quattro canzoni oniriche, folli, provocatorie, in cui il cantautorato diventa sperimentazione, in cui viene riscoperta l’efficacia dei canali left/right, la stereofonia che sa emozionare e che nelle produzioni degli ultimi tempi viene usata con troppa parsimonia.