23/06/2009

C'è del marcio nel profondo nord dalle parti di Como: dopo il punk ipercalorico degli incontenibili Leeches eccoci tra le mani gli scottanti Faz Waltz, altro quartetto che sembra caduto dal nulla sull'asfittica provincia lariana.

I capisaldi: robusti chitarroni boccolosi in stile Marc Bolan e tutti i pavoneggiamenti che ne conseguono, per quattro canzoni che ecciteranno tra voi gli amanti degli strusciamenti attillati di Les Paul (ascoltate la coda di "Little Girl Star" e commuovetevi). Ma non solo: perché accanto al revival glitter c'è la romantica "No Fun In Love" che sembra arrivare direttamente dalla penna barocca dei Queen degli esordi. Veramente un piccolo gioiello che mette in buona prospettiva la scrittura forse ancora un po' ridondante del gruppo. Un demo che, per il futuro, promette polvere di stelle: Cantù che conta.

Commenti (5)

Carica commenti più vecchi

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati