05/05/2009

Non è tempo di primavera. Non è tempo di sole. Tutto il panorama è nuvole basse che conservano lo spazio sottovuoto, la mente sotto pressione. La musica è là dentro, nell'aria grigia che si insinua come seduzione tra i pensieri e i sogni ancora freschi, stamattina. E' materia scura elettronica come i Depeche Mode di metà anni ottanta, ti ricordi di "Black celebration" e "Music for the masses", è post punk che non guarda al futuro e rivive sofferente il passato come insegnavano i Joy Division più asciutti, tra dark e perdizione (senti e risenti la sezione ritmica di "Eyes of riot"); nei brani in italiano si illuminano tracce lievi lievi dei primi Diaframma. Ogni cosa è nera per restare tale, poca luce occorre per ballate intimiste come "Another step" e "Slow", o per aperture sonore che rincorrono i in "The lads", i Cure più moderni e smaliziati. Come risolversi, o dissolversi, in ambiti sotterranei, i Nokeys celebrano la new wave brindando a occhi chiusi, con batteria dolce e decisa e basso sottile e assiduo e dominatore: "The regency" è un lavoro compiuto, solido e centrato, combinazione perfetta per questa stagione che non vuole essere mai primavera.

---
La recensione Nokeys - Recensione - The regency di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 18/08/2019

Commenti (8)

Carica commenti più vecchi
  • Oxygen 06/05/2009 ore 20:34 @oxygen

    Non ho ascoltato l'intero album, però le 3 tracce che ci sn su rockit mi piacciono parecchio!
    Vedremo..

  • Nicola Bonardi 07/05/2009 ore 16:34 @nicko

    concordo in pieno.
    giuro, dal modo in cui è cantata, mi ricorda "anal beat"
    :]

  • Valves 12/04/2010 ore 21:07 @valves

    Molto potente la vostra musica ragazzi, bei pezzi.

  • KATMAI 20/04/2010 ore 17:13 @katmai

    bei pezzi, sopratutto eyes of riot!

  • Nicola Serafini 01/02/2011 ore 10:55 @worlich

    incuriosito dalla copertina mi sono ascoltato i pezzi: davvero bellissimi, bravi!

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati