Fabrizio Consoli Musica per ballare 2009 -

Musica per ballare precedente precedente

Dopo una pausa per assaporare l'ebbrezza del palco teatrale, Fabrizio Consoli torna a calcare la scena musicale con un album dal titolo ingannevole. I suoi dodici brani non sono propriamente pensati per far ballare il corpo in virtuose giravolte, ma piuttosto vogliono prendere per mano la mente accompagnarla in sinuose danze. Le influenze sono tante e trovano le loro radici nel panorama cantautorale italiano, Paolo Conte tra gli altri, ma lo stile di Fabrizio rimane comunque avvolto in una personale coltre di originalità. Sempre fedele alla sua chitarra, non disdegna il tocco di un pianoforte malinconico per "Una rosa" che getta lo sguardo al jazz e non solo. Viaggia lontano con la strumentale "Sirtaki" e torna nelle sue terre per un omaggio a Cochi e Renato, reinterpretando la famosa "Canzone intelligente".

Brano dopo brano delinea la sua identità, il suo approccio alla musica come qualcosa di intimo e di costruttivo, come un mattoncino indispensabile e insostituibile della propria vita. È un album sussurrato da una voce vissuta. È un dolce papà che apre il suo lavoro con il suono più importante, il battito del cuore della figlia, e lo chiude con la parola fly, e per tutti noi si disegna la speranza di volare in alto grazie ad un amore incondizionato. Passati i quarant'anni si tirano le fila del discorso. Noi ne prendiamo atto e custodiamo i preziosi consigli per quando sarà il nostro turno.

---
La recensione Musica per ballare di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2009-04-16 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • zeffjack 12 anni Rispondi

    Concerto interessante al Taun di Fidenza.
    michele1/4ZEFFJACK.