08/05/2009

Se nei booklet dei dischi ci fossero indicazioni precise su quando, esattamente, sarebbe meglio ascoltarne la musica contenuta, sul retro della cassetta di His Clancyness ci sarebbe scritto a caratteri cubitali: a notte fonda. Perché le otto minute composizioni che si sfilacciano una dopo l'altra in "Hissometer Cassette" sono fatte della stessa pasta dei sogni che non si ricordano più, ridotti a brandelli da ricordi sbiaditi e della nebbiolina che copre tutti i nostri sonni, tra cuscini e lenzuola stropicciate. Riverberi ed echi si stendono algidi e lenti su loop e chitarre, mentre Clancy canta in modo elegantemente dimesso di tutte le confessioni che sarebbero lecite a chiunque dopo mezzanotte, e ci convince (ancora una volta) che quando c'è di mezzo lui si è sempre paghi e assieme eccitati quando una canzone finisce: tratteggia accordi leggeri e marcette pop, poi le dilatata come acquerelli, le disperde nell'aria e racchiude tutto nel formato demodé della cassetta, con uno stile che fa venir voglia di fare riverenze.

E se state pensando che produrre cassette nel duemilaenove sia solo un capriccio, bene: questo mi pare un ottimo motivo per cedere, per una volta, alla tentazione.

Commenti (4)

Carica commenti più vecchi
  • Enrico Molteni 01/03/2009 ore 20:22 @molteni

    Bravo.

  • Denise 02/03/2009 ore 14:38 @deniseproject

    Molto emozionale.
    Bravo!

  • Alberto Arcangeli 08/05/2009 ore 19:30 @albertoarcangeli

    Bello, spero di riuscire ad ascoltarlo presto con più calma.

  • Alessia DUrso 10/05/2009 ore 21:34 @khyra

    Proprio bello! (e decisamente notturno)

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati