Gory Blister Art Bleeds 2001 - Metal, Crossover

precedente precedente

Ascoltare questo album intitolato Art Bleed e' come fare il tuffo nel passato del death metal, nell'epoca in cui l'ipertecnica e la rabbia primordiale dominavano le scene metal di mezzo mondo... per intenderci gli anni di Mordib Angel, Cannibal Corpse, primissimi Metallica.

La musica dei Gory Blisters (letteralmente "pustole insanguinate") e' in effetti una forma assolutamente anacronistica di atteggiamento compositivo; un modo di mettere insieme le note che ormai non ha piu' grandi spiragli discografici come aveva un tempo, ma forse per questo dovremmo apprezzare lo sforzo di questi tenebrosi metallari.

Dieci tracce che forse anni fa avrei anche sopportato, ma che oggi mi risultano stucchevoli e prolissi dopo qualche minuto.

Intendiamoci, i Gory Blisters distruggono e sbaragliano tutto quello che incontrano, dividendo le ritmiche in maniera impressionante e facendo confluire una rabbia sovrumana in possenti strutture metal.

Un'impronta oscura colora di toni rosso sangue i brani, sempre votati alla velocita' e al frastuono, con un'apparente malvagita' di fondo.

Il vocalist vomita in inglese, quasi fosse posseduto da un demone che ne controlla le urla disperate per accordarle con le apocalittiche contorsioni degli strumenti.

Una dimostrazione di odio e violenza che, a tratti, riesce quasi a sembrare reale, ma che alla lunga annoia e perde di interesse.

Senz'altro un'ottima formazione, ma con il difetto di cimentarsi in un genere dove e' stato gia detto tutto e da molto tempo...

---
La recensione Art Bleeds di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2001-01-12 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO