Joyello 2' 2009 -

2' precedente precedente

Il veronese Joyello, militante di lunga data della scena underground italiana ed attualmente facente parte del progetto folk Peluqeria Hernandez, qui si dedica ad una sperimentazione elettronica sfociante nell'ambient e nell'industrial. Subito all'inizio voci filtrate ed echi di silenziose ed enigmatiche liturgie nello stile cerimoniale dei Current 93 prima maniera. "Enophilia" e "At the Beginning" sono due pezzi tra classico e concreto che non possono che far riferimento alle introspezioni celebrali di Brian Eno. Nell'accoppiata "Futurista Riformista" e "Our house has strong walls" il nostro evoca paesaggi liberi e allucinati, sospensioni mistiche e scenari barocchi come hanno saputo proporre a cavallo tra '80 e '90 i Legendary Pink Dots. Il suono non collassa mai nel noise fine a se stesso. Joyello è un manipolatore di suoni assurdi e claustrofobici, un dadaista, un seguace contemporaneo di Pierre Schaeffer e Luigi Russolo, come già lo era stato Nurse With Wound negli anni 80. Anche se non tutto fila sempre liscio e qualcosa poteva essere tagliato o meglio limato, vanno in ogni caso i miei complimenti per la perseveranza e l'abnegazione nel proporre una musica così fuori degli schemi.

---
La recensione 2' di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2009-06-01 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO