02/10/2009

Chitarra, voce e, a volte, armonica. Ecco di cosa son composti tutti i brani dell'ep d'esordio - pubblicato dall'americana Recorded Recordings Records - per Luca Milani, cantautore milanese.

Intrapresa la via più difficile, il cantato in inglese, Milani si destreggia tra cinque brani che ricordano a tratti la storia americana del songwriting (scomodiamo Dylan e Young, giusto per intenderci) e a tratti le ballads che si possono pescare da band più "rock" quali Metallica o Alice In Chains. E' interessante il contrasto tra la voce di Milani (ben adatta ad un genere più aspro e duro) e le scelte ritmiche e sonore della chitarra (decisamente dolci). "Scars and Tattoos" è una classica canzone folk, idem "Paying My Debt". Desta maggior attenzione, invece, la conclusiva "Old goodnight", che rinfresca la struttura del disco dando nuova linfa all'ascolto, spolverando via un certa certa attitudine monocorde che si era creata nei quattro brani precedenti. I brani, infatti, peccano di una certa monotonia, privi come sono di variazioni o spunti nuovi. Rimane comunque un ep di buon auspicio e di buon augurio. Un cantautorato che vanta valide scelte melodiche ed un certo mestiere. Attendo i nuovi sviluppi.

Tracklist

00:00
 
00:00

Commenti (2)

Carica commenti più vecchi
  • Marcos 05/10/2009 ore 22:40 @marcos

    Visto dal vivo al Totem di Vicenza... bravo!

  • kamayama 06/10/2009 ore 11:10 @maya

    Ascoltando "Scars and tattoos"
    l'armonica in chiusura m'ha -sorprendevolmente- commossa,
    è da pelle d'oca "...in between glory and pain..."
    come l'anima del Blues!

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati