Comaneci Girls Was Sent To Grandma's In 1914 2009 - Cantautoriale, Sperimentale, Rock

Girls Was Sent To Grandma's In 1914 precedente precedente

Chi non ha la memoria troppo corta ricorderà che con il precedente "Volcano" i Comaneci ci avevano soffiato via le parole dalla bocca, ci avevano fatto rimanere esanimi di fronte a tanta grazia, leggerezza e delicatezza. I tempi sono cambiati, c'è stato un cambio di etichetta e uno di formazione (nuovo chitarrista), ma l'essenza del gruppo ravennate è sempre la stessa: composizioni che sono fili leggeri, che rifuggono ogni moda e tendenza e che sono lenitivi come la carezza di chi ami.

Inutile dire che la voce di Francesca Amati continua ad essere sensuale e genuina oltre ogni immaginazione, ma è interessante ascoltare come in questo ep (il cui titolo si ispira ad un fatto di cronaca realmente accaduto) si pieghi a sfumature sempre più cupe e misteriose che si distanziano dai toni pastello e rilassati del precedente album. Come dire, da graziosi spiritelli a fantasmi della mezzanotte in pene d'amore. Le composizioni abbandonano in parte il delicato minimalismo e si sporcano di distorsioni, echi e pianoforti malinconici, verso una sperimentazione folk-pop che in alcuni casi ricorda le prime Cocorosie ("Battle") ma che rimane sempre nei confini del meraviglioso e originale marchio di fabbrica Comaneci. Oramai, una garanzia.

---
La recensione Girls Was Sent To Grandma's In 1914 di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2009-05-29 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • rigolo 13 anni Rispondi

    nuovo chitarrista e non più violoncello e sempre grandi. viva comaneci

  • polymar1981 13 anni Rispondi

    oltre che evocativi, son brani che mi comunicano parecchio... belli e sognanti... non so perchè ma Time will tell mi ricorda Siouxsie ai tempi di Join hands... poi la voce di Francesca è di una sensualità disarmante...che fa innamorare ;P

  • hellzapop 13 anni Rispondi

    bello, molto evocativo!

IL TUO CARRELLO