< PRECEDENTE <
album Tutti in Fila - Ramba S.S.

Ramba S.S.

Tutti in Fila

1999 - Rock, Demenziale

RECENSIONE
07/01/2000 di Aurelio Pasini

Veramente molto divertente questo demo-CD dei bellunesi Ramba S.S., paladini di quello che loro stessi definiscono happy metal. Grande è infatti la loro abilità nell'accostare atmosfere tipiche del metal con liriche assurdamente divertenti e scollacciate. Se infatti ne I Poohffi vediamo i simpatici ometti blu alla prese con un Grande Puffo in veste dittatoriale, altrove il quartetto veneto ci racconta storie improbabili a base di immigrati russi (Skizzo Sonovabic), omosessualità (La Canzone del Sole-ro) e persone colpite da gravi difetti di pronuncia (Tutti in Fila - provate a sostituire la G alla L...), sempre caratterizzate da un encomiabile approccio demenziale ed un'innegabile capacità di vedere gli aspeti più assurdi della vita di tutti i giorni. Una menzione speciale merita la ballad Manlio, storia di un manager truffaldino, che sembra avere ben più che un fondo di verità. Non mancano poi i riferimenti alla scena rock italiana, con citazioni, ma sarebbe meglio dire prese per i fondelli, di Ligabue, Silvestri e Jovanotti. Ulteriore elemento caratterizzante del CD è la serie di strani stacchetti che si alternano alle canzoni e ne sottolineano ancor di più la dimensione demenziale: ci troviamo così di fronte a strane radio private, pubblicità di fagioli, improbabili venditori e, udite udite, una divertentissima storia del vibratore (!?!). Chiude il demo la cover de L'Esercito del Surf, sigla di una trasmissione sportiva locale.

Detto dei testi, non resta che parlare della musica: come abbiamo accennato in precedenza, si tratta di heavy metal di stampo abbastanza classico, anche se non privo di contaminazioni (come il funky in La Vera Storia del Vibratore). Gli arrangiamenti sono sempre curatissimi, e mettono in luce una capacità tecnica invidiabile. Molto bravo si dimostra anche il cantante Vomit Vox, dotato di una voce potente ed in grado di raggiungere note molto alte.

In conclusione, quindi, tutti coloro che pensano che il rock possa andare a braccetto con l'umorismo e la demenzialità, e che non si scandalizzano di fronte a qualche volgarità, non possono prescindere dai Ramba S.S., che si rivelano come una realtà interessantissima e da seguire con attenzione.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (5)
Carica commenti più vecchi
  • JoeCatherine 26/07/2006 ore 16:22

    Un peccato: si sono sciolti. Il cantante, pensa, ora canta nel coro della Fenice di Venesssia. Il batterista suona in un'altra band (Stanza 101), il bassista con un'altra (che forse non esiste nemmeno più) ed il chitarrista non suona più!
    Comunque erano proprio forti, ti facevano sbellicare. E live erano uno spettacolo. :)

    > rispondi a @joecatherine
  • enver 28/07/2006 ore 16:00

    tutto bello, ma mettersi un nick da cristiano? ;)

    > rispondi a @enver
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >