Tanake Ccv 2000 - Noise, Jazz, Indie

Primascelta! Ccv precedente precedente

Veramente interessante questo demo dei siciliani (ma trapiantati in Toscana) Tanake. Le sei composizioni in esso contenute sono interamente strumentali, e si muovono lungo quel fiilone che è ormai consuetudine definire post-rock. La differenza rispetto a tanti altri gruppi di questo tipo, però, è data dalla presenza nella formazione di un sassofono, strumento che permette al quartetto di svariare maggiormente tra i generi e gli stili.

Il CD si apre con la breve “Menouno”, in cui il sax e chitarra si intrecciano per creare dissonanze quasi zorniane. “Piotr Serghiéievic Trofimov” è invece più marziale ed atmosferica, mentre con “Osvanoko” le sonorità si fanno decisamente più distorte e pesanti, grazie alla predominanza della chitarra. “Blueberry” è un altro frammento in stile Naked City, invece in “Oskomo” il riferimento sembrano essere maggiormente band come i Don Caballero, seppure ancora una volta il sax dia un tocco personale e jazzy al tutto. Chiude il disco una lunga traccia senza titolo, si apre con un delicato arpeggio, ben presto scandito dall’ingresso della batteria, mentre le atmosfere si fanno via via più acide e dilatate.

Insomma, a noi questo CD-R è piaciuto molto, tanto da meritare la primascelta. Certo, si tratta di una proposta non certo commerciale o adatta a tutti, ma neppure tanto estrema da risultare indigesta. In altre parole, gli amanti delle sonorità di confine (ma non troppo) non dovrebbero lasciarselo sfuggire.

---
La recensione Ccv di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2001-02-22 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO