Luciano Margorani Pseudocanzoni 2008 -

Pseudocanzoni precedente precedente

Sole e voci, molte voci diverse, colori, gesti delicati, dormiveglia sognanti, ci sono tante cose dentro a questo disco, e Luciano Margorani possiede tutta la bravura e la grazia necessaria a farle convivere senza che nulla suoni fuori posto.

Tante le collaborazioni, anche, che uno a leggerne la lista quasi si fa mettere soggezione: per restare in Italia (e comunque gli ospiti esteri non mancano) ci sono Christian Alati (già nei Gatto Ciliegia contro il grande freddo e solista per la Canebagnato Records), e poi la voce e le parole di Umberto Fiori degli Stormy Six, che disegnano il mondo nei primi cinque pezzi. Un mondo popolato di case che hanno occhi e sorrisi e pensieri, come nei disegni dei bambini, un mondo in cui gli oggetti rispecchiano gli uomini e condividono con loro una vita in cui "parlare è sempre troppo e non è mai abbastanza". Il flauto è il loro respiro, le chitarre le fondamenta, sono frammenti minimi – e a volte minimali, scarni eppure densissimi – di un paesaggio che torna familiare anche senza averlo mai visto prima.

E' un pregio di questo lavoro la sua immediatezza, una linearità di fondo che fa riconoscere al volo temi e impostazione. Sono i dettagli, i suoni, poi, a fare la differenza, a mettermi in crisi quando cerco di raccontarli: precisi e spiazzanti, semplici ma ricchi di sorprese, richiedono tempo per catturarli, e intanto queste "pseudocanzoni" le sto ascoltando da mesi e non mi sono ancora stancata. Soluzioni armoniche e arrangiamenti sono intagliati con cura, leggeri ma non banali, con ansie trattenute e allegrie che non hanno bisogno di diventare sguaiate. Sia che si tratti di tre accordi di chitarra acustica o dei ritmi vivaci dei primi brani, sia quando – come negli ultimi pezzi strumentali o in quelli cantati da Elaine Di Falco – ci si abbandona a sonorità più scure, le due anime del disco scorrono come pomeriggio assolato e crepuscolo della stessa giornata limpida. Uno di quei giorni senza grandi eventi e però felici, in cui la malinconia ti prende a tradimento se ti rendi conto all'improvviso che ormai sono passati.

---
La recensione Pseudocanzoni di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2010-04-07 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia

SUGGERITI

SELECT id_album,de_titolo,fl_compilation,fl_singolo,fl_archivio,de_nome,id_pagina,7album.de_abstract,de_recensione,7album.dt_saved, fl_giorno,fl_settimana,fl_primascelta,en_stato_recensione,de_url,dt_uscita FROM 7pagine INNER JOIN 7album ON cd_band=id_pagina WHERE id_album in () order by FIELD(id_album,) LIMIT 0,6
You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ') order by FIELD(id_album,) LIMIT 0,6' at line 5