25/09/2009

Un disco per cristallizzare il ritorno, e gettare le basi per qualcosa di nuovo. Un anno di concerti, messi nero su bianco da queste 11 tracce, rubate alla data che li ha fatti ripartire ufficialmente, il 7 novembre 2008, all'Estragon di Bologna. C'ero quella sera, così come c'ero pochi giorni fa: sempre Bologna, sempre Massimo Volume, chiusura del tour prima del nuovo album.

L'emozione di quel primo concerto sotto le Due Torri dopo ben 6 anni di assenza rivive nel disco, traccia dopo traccia. Mimì e compagni sono tornati, e ci suonano le loro canzoni, proprio quelle che molti hanno consumato ormai anni fa, o che per altri hanno rappresentato un incentivo in più, anche dopo "Almost Blue" (il film di Alex Infascelli di cui i Massimo Volume hanno realizzato la colonna sonora, NdR), per venire a studiare a Bologna.

Parlare di questo disco, allora, significa parlare di quel concerto, e di tutti i concerti fatti quest'anno. Compreso l'ultimo, su cui è calato poi il sipario: la band si ritira per deliberare, ci si rivede a primavera con un disco tutto nuovo. Che ci dirà finalmente che direzione prenderanno, musicalmente e a livello di liriche. Inutile far previsioni, la palla di cristallo non ce l'abbiamo. Ma proprio quell'ultima apparizione, pochi giorni fa, ci ha lasciato a bocca asciutta: sono stanchi? Sono spenti, visto che quelle canzoni le portano in giro ormai da troppo? Si è esaurito l'entusiasmo post reunion? Tutte le ipotesi sono legittime e sacrosante. Continuiamo ad emozionarci con "Primo Dio", o con "Fuoco Fatuo". E siamo contenti che sia stato inciso l'inedito "Esercito dei santi". Ma ora è il momento di aspettare, tanto sono tornati e stanno preparando qualcosa di nuovo, non c'è più pericolo: quella data sarà stata unica, ma ce ne saranno altre. Ripartono da qui, dunque. Senza volgere le spalle al passato ma senza nemmeno farsi condizionare troppo, hanno detto. Senza dubbio, i Massimo Volume qualcosa da dire ce l'hanno ancora.

Commenti (10)

Carica commenti più vecchi
  • Luca 08/09/2009 ore 11:43 @retrattile

    Ma Mescal veramente??

  • Dan 25/09/2009 ore 01:26 @daniepi

    Wow, io c'ero a quel concerto e non sapevo dell'album: che fantastica sorpresa!

  • Stefano 'Fiz' Bottura 26/09/2009 ore 17:05 @fiz

    madonna che brutto disco (e che brutti gli ultimi live)
    e che pena vedere i massimo volume finiti così...

    disinnescati,

    a voler trovare una parola sola per descriverli ora.

    e vabbè, niente è eterno.

    speriamo salti fuori qualcosa di nuovo (e intenso) in futuro.

  • ematomablues 27/09/2009 ore 10:46 @ematomablues

    Dal vivo si perde quella "affascinante distanza" dei dischi in studio e certe canzoni risultano troppo laceranti. Non danno tregua i massimo volume, non ne hanno mai data. Hanno aperto vie sconosciute al "giovane" rock italiano degli anni 90.pochi allora affrontarono se stessi grazie alla loro musica. Pochi lo faranno ora.

  • Alice Owen 27/09/2009 ore 12:23 @lastregadiblair

    Oooh, finalmente una versione decente di Esercito di Santi! :)

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati