05/10/2009


Ho perso un po' di grinta ultimamente.

"Non siamo di qui" è una delle cose più oneste e vere che ho sentito ultimamente. Potete dire che è adolescenziale, che ha quell'indolenza mista a rabbia tipica delle band grunge che suonavano nella palestra l'ultimo giorno di scuola per dimostrare ai professori che non erano del tutto persone inutili. O che i Cosmetic copiano i Verdena. Vi sbagliate completamente: non ci sono immaginari presi in prestito, camicie di flanella, uomini di latta o case di legno volanti al cui interno inscenare tragedie epiche anni novanta, non ci sono capitani coraggiosi o cheerleader in preda a crisi hipsteriche. Tolta la prima patina romantica e leggermente sognante, sotto trovi solo storie, relazioni, sentimenti, lacrime, lacerazioni, molti sbagli e qualche speranza. Tutte cose vissute davvero.

La musica è pop, emergono più le canzoni e meno l'impasto sonoro scuro, psichedelico e a tratti shoegaze tipico di "Sursum Corda", l'album precedente. Ci sono ritornelli rotondi alla Dinosaur Jr. o alla Flaming lips. Pezzi duri e nirvaniani come "Via Maj" e "Crostata" che sono botte di adrenalina. Ballate chitarra voce come "Ragazzo crudele" e "Ehi, sintonia" che - se avete un cuore che funziona come dovrebbe – riflettono meglio di qualsiasi specchio o pozzanghera. Ma gli arrangiamenti non sono l'aspetto più importante, probabilmente in futuro sprofonderanno di nuovo nel magma rosa fucsia immergendo voce e strumenti in un unico delay flangerato. In questo disco, invece, è bastato rendere le parti un pelo più nitide ed ecco i Cosmetic in tutta la loro fragile bellezza. Perchè sono due le cose che contano: è un tipo di songwriting molto particolare, con piccole punte geniali; è un'emotività che non ha mai paura di mostrarsi.

In sostanza: se vi sentite come l'uomo disegnato sul pannello di cartone de L'Allegro Chirurgo, costantemente costretti a far vedere i vostri organi interni a chiunque, e prendete la scossa appena vi toccano uno dei tanti vostri nervi scoperti, "Non siamo di qui" potrebbe farvi da coperta del conforto. Probabilmente vi sentirete meno indifesi e meno soli. Più normali e più felici. Ho un'inaspettata passione per le storie eroiche e le cose grandiose, e se la mia storia non lo è, mi guarderò l'alba e la sua gloria. Starete bene. Ve lo prometto.

Commenti (10)

Carica commenti più vecchi
  • Nur Al Habash 05/10/2009 ore 12:49 @nur

    ci tengo a scriverlo anche qui: bellissima rece. Mò mi ascolto le tracce in pausa pranzo

  • Alessandra Perongini 05/10/2009 ore 14:27 @psychokiller

    è vero Sandro è un recensione stupenda.

  • psic 05/10/2009 ore 15:56 @psic

    che bello!

  • anna nacarlo 05/10/2009 ore 20:43 @anna24

    Bellissimo il disco e anche la recensione!
    Complimenti ai Cosmetic e a Sandro!

  • accorgitene 08/10/2009 ore 10:31 @accorgitene

    lo ammetto ho ascoltato il disco solo per la recensione/
    e non me ne sono pentito...

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati