Dance for burgess Bratwell Session 2009 -

Bratwell Session precedente precedente

L'azzurro pallido e la bruma incapsulata in particelle di argento, un album da colorare soltanto coi pensieri, forse un po' tristi ma molto, molto netti. Non c'è possibilità di confondersi, i confini sono così delineati e precisi da sbigottire, spalancare affettuosamente gli occhi di fronte al dark più snello e livido di dolore, quello che più del nero ama il porpora, quello di "Pornography" che domina "Stress", abbracciare con slancio il postpunk da basso tirato, secco e nervoso, Joy Division a colazione per ingranare la giornata e la rabbia oscura dei Bauhaus per renderla più intensa. I Dance for burgess sono uno spicchio polposo di anni ottanta: granitici nel tormento e palesi, forse fin troppo, nell'ispirazione, confezionano un ep valido e godibilissimo, mentre la bruma è diventata acqua che precipita.

---
La recensione Bratwell Session di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2009-09-11 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • utente0 12 anni Rispondi

    Ciao ragazzi,
    siamo una nuova piccola etichetta indie di Trento. Abbiamo appena sentito Bratwell Session su rockit e devo dire che ci ha cambiato la giornata.
    Ci farebbe piacere sentire altro materiale vostro se possibile.
    Se volete ci possiamo sentire a questo indirizzo: info@mashhh.com / www.mashhh.com

    ciao!
    Marco

  • tigershittigertiger 12 anni Rispondi

    -issimi

  • nur 12 anni Rispondi

    whoa. bravi!