JoyCut Ghost Trees Where To Disappear 2010 - New-Wave, Indie

Disco in evidenzaGhost Trees Where To Disappear precedente precedente

Conservo il vivido ricordo dei JoyCut sul palco come una sorta di liposuzione melodica dei Cure più dilatati e meno nichilisti. E francamente anche la loro seconda prova su disco, "The Very Strange Tale of Mr.Man", non si discostava poi così tanto da tale impressione, accordo più accordo meno. Nel nuovo "Ghost Trees Where To Disappear" cambiano le cose, in meglio però: l'approccio emulativo si attenua e le intuizioni embrionali del disco precedente prendono qui definitivamente spessore, anche in virtù di una dichiarata continuità lirico-concettuale che accomuna i due lavori e che identifica nella figura di Signor Uomo l'unico protagonista. Aumentano la visionarietà narrativa, la trasversalità artistica e subentra prepotentemente una non comune sensibilità sonico-ambientalista (dal packaging in materiali riciclati alla stessa registrazione dell'album, realizzata presso il The Premises, primo studio di registrazione europeo interamente alimentato da energia solare). A fine ascolto "Ghost Trees Where To Disappear" suona come un concept-album al passo coi tempi che, per quanto ancora non completamente depurato dalle tossine sonore di Robert Smith&Co. ("TTG" e "Apple" su tutte), si lascia docilmente imbastardire nella sua congenita pop-psichedelia-shoegazer dalle contaminazioni siderali di Jason Howes alla consolle, coreograficamente più congeniali al nuovo scenario di Signor Uomo, che abbandona definitivamente la degenerazione delle alienanti periferie sub-urbane per rifugiarsi dentro la spettrale brutalità degli spazi aperti naturali, orribilmente violentati.

---
La recensione Ghost Trees Where To Disappear di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2011-03-23 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • ian80 11 anni Rispondi

    Fantastico il disco e incredibili dal vivo. Ero a Catania e mi hanno folgorato! Suono internazionale e band strepitosa sul palco. Il loro live è stata una un'esperienza di grande impatto. Il disco poi entra per direttissima nell'eden delle mie preferenze!!! Non vedo l'ora di rivederli al Circolo degli Artisti a Roma il 14 maggio.
    Grandi Joycut!!!!!

  • utente43593 11 anni Rispondi

    Un disco davvero incredibile. Puro, incontaminato, melodico e allo stesso tempo oscuro, denso di concetti ed ispirazioni. Da custodire e far ascoltare...bhe ora anche in Italia c'è finalmente chi merita riconoscimenti internazionali :)

    Abbiamo anche avuto il piacere di essere fra i presenti nei primi concerti del tour a Bologna e Milano e siete stati veramente intensi!
    Tanto di cappello, continuate così!!!

  • marcofiore 11 anni Rispondi

    non li conoscevo, li ho visti per caso qualche settimana fa a Firenze, sono rimasto piacevolmente colpito dal loro live.
    ho comprato il disco e l'ho ascoltato a 1000 giri! gran bel lavoro.
    complimenti alla band. tutto sembra tranne che italiana.
    spero di rivedervi presto dal vivo! :)

IL TUO CARRELLO