< PRECEDENTE <
album Filoritimia - Filoritmia

recensione Filoritmia Filoritimia

2000 - Progressive

RECENSIONE
13/03/2001

Non nascondo che il lavoro dei milanesi Filoritmia risulti un tantino ostico: i 10 brani contenuti al suo interno sono eccessivamente lunghi, tanto che il più corto sfiora appena i 5 minuti, e le idee che lo sostengono a volte sono fin troppe per poter farle entrare tutte!

Intendo cioè dire che il quartetto sfrutta le immense capacità tecniche che indubbiamente possiede per realizzare un disco - che suona sì bene ma è decisamente eterogeneo per le atmosfere che lo caratterizzano. Sicché il sottoscritto (ma penso qualsiasi ascoltatore con un minimo di senso critico) non può non osservare che se i nostri sono bravi a (ri)fare Frank Zappa, almeno attitudinalmente, dall’altra quasi mai riescono ad avvicinarsi alla sua idea di musica. Non significa quindi che il suono sia insipido o che la band manchi di una personale cifra stilistica: qui, per capirci, si tratta di voler/dover operare una sintesi che avrebbe giovato in primis all’ascolto, in modo da non riempire per forza il cd fino al limite dei minuti a disposizione.

Non nascondo però che qualitativamente e tecnicamente la band sa il fatto suo, contando sia sull’esperienza che su certi ascolti che rimandano al progressive e a tutta la scena relativa a quella stagione vissuta nella nostra Penisola.

Ma a tutt’oggi l’attitudine sperimentale penso sia una facoltà che appartiene solo ed esclusivamente a Thom Yorke e soci. Se i Filoritmia sapranno seguire l’esempio… buon per loro, altrimenti ‘massimo rispetto’ per la strada che hanno deciso di intraprendere.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >