Viclarsen Abitazione 2001 - Indie, Alternativo, Post-Rock

Primascelta!Abitazione precedente precedente

Addentrarsi negli orridi sonori che squarciano il telaio musicale dei Viclarsen e' un'impresa difficile, ma gli avventurieri in grado di imbarcarsi in questo viaggio potrebbero scoprire un mondo in grado di ricoprirli di emozioni.

Una musica post, intesa come il pulviscolo che residua dal dissolversi del rock e del punk, andando a formare un composto dall'alto peso specifico e dalla forma irregolare, ma con la capacita' di volatilizzarsi in fretta.

I Viclarsen suonano e stonano senza curarsi delle strutture, intrecciando il rumore con una naturalezza tale da farlo sembrare melodia.

Scenari glaciali si alternano a paesaggi in fiamme, in un'altalena poggiata su chitarre malate e ritmiche isteriche, che disegnano gli stridenti fraseggi su cui si dibattono psicotici effetti elettronici.

Come fosse un riverbero del rumore, tra le pieghe dei brani talvolta si materializza una voce che si contorce, recitando versi inquieti atti a fornire una forma piu' umana ai ruvidi passaggi strumentali.

Dieci episodi che alternano deliri distorti e momenti di esile rumorosita', delineando un lavoro che avanza quasi volesse creare un'ipotetica colonna sonora per uno psycho thriller ambientato in una dimensione parallela, attraversata da spinte minimali e lievissimi accenni space.

L'ascolto prolungato di Abitazione, mi convince del fatto che siamo di fronte a un raro esemplare di coraggio compositivo, capace di sfidare l'ascoltatore su terreni ostici e tortuosi, carezzandolo con movenze eleganti e romantiche a dispetto dell'apparente fastidio.

Questi giovani ragazzi di Savona ci regalano sensazioni simili a quelle tipiche delle produzioni della Wallace Records, una su tutte i Madrigali Magri, ma stavolta e' la Viceversa Records ad avere il coraggio di produrre una formazione che propone un genere assolutamente estraneo alla tradizione nostrana e che difficilmente lascera' un segno importante a livello di vendite, ma che potrebbe colpire nel profondo quei pochi in grado di avvicinarsi alle soffocanti introspezioni dei Viclarsen.

---
La recensione Abitazione di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2001-03-18 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia