21/12/2009

Lontananze e struggimenti, temporali e rivoluzioni. E' una confessione intima, che non accetta le scorciatoie dei sentimenti che non lavano via tutta la sporcizia che c'è intorno, le parole dette senza il giusto peso, le distanze che non siano necessarie, quella che Giuliano Dottori dice di voler affidare al suo secondo capitolo musicale. Il fiato sospeso in aria, tra melodie dalle architetture carezzevoli e il canto intimo di un autore che prova a intingere la penna nel petto che fa ancora male. La semplificazione come valore aggiunto. Dottori, cerca e trova il suo spazio nella scena cantautorale degli anni 0, con pathos discreto e facendo compiere moderati passi al suo progetto di songwriting rispetto agli esordi. Innegabile è l'evoluzione in senso introspettivo e acustico, l'apertura strumentale, il lavoro sulle atmosfere circolari. La lama non è però sufficientemente affilata, le dichiarazioni emotive non sono libere di sgorgare in un oceano musicale scevro di recinti, la compostezza soffoca spesso il canto libero. Un lavoro troppo ponderato, che rimane se si esclude la bellezza di pura meraviglia del pezzo inaugurale a cui si affida il compito di aprire le danze e di alcuni episodi centrali, eccessivamente imbrigliata nei riferimenti musicali di illustri predecessori: certe soluzioni vocali, certi escamotage verbali, si nutrono infatti delle suggestioni di moltheniana memoria e faticano nel masticarle a buttare via l'osso. Da premiare la fragilità di alcune melodie, ma gracile è ancora il tentativo di abbandonare armature affettive e musicali. Non ci sono deflagrazioni, nella cura innegabile di questo lavoro, le corazze purtroppo imbrigliano troppo spesso la carne. Rimane la certezza delle potenzialità ancora inespresse, di un personale Godot che abbia corpo e sostanza, di un quadro per il Giuliano Dottori che verrà che si proponga e riesca a frantumare la cornice.

Commenti (23)

Carica commenti più vecchi
  • Oxygen 19/12/2009 ore 15:14 @oxygen

    Si proprio bello questo disco!

  • izzio 21/12/2009 ore 22:40 @izzio

    ecco insomma, secondo me uno che recensisce un disco di questo tipo, dovrebbe sapere che prima di motheni c'è stato dell'altro – con tutto il rispetto per moltheni, ovviamente… voglio dire, se si vuole contestualizzare un disco bisogna conoscere perlomeno vagamente, a grandi linee, quello che è successo nella musica pop dagli anni 60 in poi.

  • RadioAzioni 22/12/2009 ore 13:32 @radioazioni

    ok, se si vuole contestualizzare storicamente un disco..
    e se invece si vuole solo dire che canta come Moltheni?
    Perchè a me l'unico limite sembra quello, non Dalida e nemmeno Lolli..

    Scherzo, hai ragione, prima c'era dell'altro..
    ..infatti canta anche un pò come Manuel Agnelli!

    (Benzedrina sul Fuoco):?

  • giulio verne 22/12/2009 ore 20:07 @giulios

    scusate ma per me canta meglio di Moltheni...
    sempre cantautori e quindi gli si abbuona il fatto di essere tendenzialmente delle scarpe con la voce...ma GD mi pare proprio bravo e mi suscita addirittura delle emozioni...cazzo sono di ghiaccio oramai e pochi riescono a smuovermi qualche cosa...:=:?



    (Messaggio editato da giulios il 22/12/2009 20:08:29)

  • fu-manchu 23/12/2009 ore 21:22 @silicio

    bhe in "chiudi l'emergenza..." quello che fa pensare a Manuel Agnelli è la linea melodica. A parer mio, il cantato è cmq molto buono

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati