Meltdown Labs Meltdown labs 2000 - Trip-Hop, Sperimentale

Primascelta! Meltdown labs precedente precedente

Piace, e molto, questo disco a nome Meltdown Labs, progetto musicale ‘aperto’ a svariate contaminazioni e che ruota intorno alla persona di Alessandro Fraternale, artista romano che si cimenta con l’elettronica come meglio non si potrebbe fare.

Tant’è che il brano d’apertura, “Invocazione/brainwash”, riprende il campione del pezzo intitolato “Bird of pray” a firma Jim Morrison e che lo stesso Norman Cook, alias Fatboy Slim, ha riutilizzato per il primo singolo estratto dal suo ultimo album. Stavolta, però, l’intuizione originaria è da segnare proprio a nome del nostro Alessandro, nome che, ad ascoltare questo disco, è una garanzia per il futuro dell’elettronica.

I suoi esperimenti in materia, infatti, prevedono tutta una serie di collaborazioni che rendono il lavoro non solo godibile ma altamente interessante. Le strutture musicali di questo promo, sospese tra psichedelia cosmica e atmosfere dilatate, evidenziano le grandi capacità di ‘assemblatore’ di colui che supervisiona l’intero progetto.

Verrebbe da pensare che in fondo Alessandro è nato nel posto sbagliato, siccome se avesse avuto i natali a Bristol adesso sarebbe sulla cresta dell’onda, con magari in mano un contratto con l’etichetta Melankolic, la stessa che, ad esempio, ha pubblicato i Day One e di proprietà dei Massive Attack. Oppure, a quest’ora, bazzicherebbe nell’orbita dei Chemical Brothers, viste e considerate le colte citazioni della traccia intitolata “Latrodectus".

Risulta perciò chiaro che i contenuti di questo disco omonimo toccano (molto spesso) le sponde del trip-hop, senza dimenticare altri lidi quali la sperimentazione e, più in generale, tutta l’elettronica ‘made in Austria’ o la lounge (?) dei Thievery Corporation.

Non sappiamo, a questo punto, quali saranno le sorti di questo progetto; ma almeno siamo certi che il nostro giudizio, più che positivo, abbiamo provveduto a scriverlo. Aspettiamo adesso di sentire il parere dei discografici…

---
La recensione Meltdown labs di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2001-04-05 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO