28/10/2009

Capiterà un giorno l'ingresso a sorpresa di nuvole tuonanti e freddo livido, capiterà all'improvviso in un giorno di sole, e non potrai distrarti più coi giochi di luce e i colori smaglianti, col girotondo di pensieri felici e la rosea speranza, per chiudere la porta e condensare quel che rimane d'intenso in otto minuti di anni ottanta. Alla finestra si alternano i fulmini di granito purpureo di "Pornography", i Cure più veementi e giovani, unghiate dark di dolore asciutto, postpunk sodo e liscio da Joy Division alle prese con "Novelty" o "Warsaw", e il basso regola la pressione in tre brani che corrono dritti al coronamento di sogni eighties su tappeti ritmici serrati e pulitissimi, un'ondata fragorosa di nero denso e ammaliante, irresistibile movimento oscuro che cattura con cattiveria e tende al grigio, isola da tutto il resto e precipita nell'abisso di mood anglosassoni rimasti da sempre nel cuore, e riproposti con deflagrante scintillio da una nuova scena italiana (vedi Dance for burgess e Soviet Soviet). Un ep che ha una forza e una struttura e uno scopo, gradevolissimo e lucido tra i contrasti di questo tempo mutevole.

---
La recensione General Decay - Recensione - General Decay di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 16/07/2019

Tracklist

00:00
 
00:00

Commenti (4)

Carica commenti più vecchi
  • Death In Plains 28/10/2009 ore 13:59 @deathindonutplains

    sempre tanto amore per voi tanto.
    poi il chiacchiericcio conta poco-

  • fake 28/10/2009 ore 14:51 @fake

    Quoto il figone qua sopra!
    Dritti, dai!
    The rest is silence... ;)
    d*

  • alex urso 12/10/2010 ore 14:13 @alexurso

    P-E-S-A-R-O,uh.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati