Alternathiva Athva demo 2000 - New-Wave

precedente precedente

Una proposta interessante, a cavallo fra elettronica e new wave, quella contenuta nei tre brani degli Alternathiva. Dell'apertura di demo "Decadance. La mia sostanza", non si capisce perché debba essere una "radio edit", visto che dura più di cinque minuti, ma facezie a parte, si tratta davvero di un potenziale singolo.

Una canzone che ammalierà i nostalgici orfani dei Cure ma anche chi la band di Robert Smith non conosce e si troverà con un ottimo cantato sofferto ed enfatico al punto giusto, parti avvolgenti di chitarre (stra)effettate e una base ben studiata.

"In senso ironico" poggia su di un bel ritornello melodico e ritmicamente si inoltra in territori più jungle/danzerecci, ancora con risultati pregevoli, come se Alberto Camerini si ritrovasse catapultato avanti di un ventennio.

E' "Decadance. Il mio Dio (Play loud mix)" a chiudere il dischetto promozionale, e qui purtroppo… casca un po' l'asino. Se è un omaggio, andava esplicitato; se è un plagio, beccati! L'andamento della canzone, e soprattutto la linea di basso, sono presi pari pari da "Exit", penultima traccia di "The Joshua Tree" degli U2!!

Sia detto, a discolpa degli Alternathiva, che si tratta di un giro di basso piuttosto comune, e quindi - credendo nella buona fede del trio - soprassediamo volentieri tirando le somme al termine degli ascolti.

E' come se certa musica anni ottanta venisse (tras)portata al giorno d'oggi, attualizzandola con l'inserimento della componente sintetica (che già era presente negli originali) più consona all'orecchio del terzo millennio. Fuor di metafora: tutto rimane uguale, solo che là un'antiquata drum-machine segnava un tempo dritto in quarti, qui un campionatore spezza sequenze e accelera… insomma, generalizzando: "junglizza". Questo inserimento rende certamente la proposta più attuale ed evita che si tratti di mera rivisitazione: rimangono le linee vocali, i bassi e le chitarre impastate d'effetti: quelli sì, dannatamente new wave.

Ma non è detto che sia un difetto.

---
La recensione Athva demo di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2001-04-09 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia