< PRECEDENTE <
album Landscapes Brown and the leavesIn evidenza
RECENSIONE
02/11/2009

Quando si parla di certo tipo di musica, sarebbe bello non tirare di mezzo subito le stagioni, la campagna e i caminetti a riscaldare; c'è molto di più dietro certe canzoni ed è un peccato star a rimarcare i cambiamenti climatici dietro gli accenti e gli arrangiamenti. Ma tant'è: Brown and the Leaves l'autunno ce l'ha nel nome, le campagne nella copertina, i caminetti che riscaldano nella voce. Viene dalla Carnia, regione nascosta tra le prealpi friulane, e sembra che non abbia fatto altro tutta la vita.

Le undici composizioni del suo "Landscapes" sono finestrelle graziose e perfettamente rifinite che dànno su una valle di chitarre e leggere percussioni, voci carezzevoli e in sordina, ordine e tranquillità. Si parla la lingua dei Kings of Convenience insomma, ci sono le dolcezze che Raina a volte si concede negli Amor Fou ("It Has Got To Be" parla italiano anche con parole inglesi) e ci sono paesaggi nebbiosi e atmosfere intimiste, risvegli, attimi di silenzio, frammenti, movimenti accennati: quasi una collezione di canzoni fatte di fermo immagine e giochi di luce. Gli arrangiamenti abbracciano il corpo di voce e chitarra come fossero un piumone, il violoncello segna a carboncino linee irregolari sulle gambe, la tromba spettina i capelli, il glockenspiel strizza l'occhio e così via di solletici e carezze, venticelli e sussurri.

Se è vero che con queste sfumature di folk si rischia sempre di adagiarsi sulla solita e affollatissima sponda, quella che -per capirci- quasi mai riesce a caratterizzarsi per originalità e particolare radicamento culturale, è vero anche che Brown and the Leaves sembra aver trovato da subito il suo posticino al sole dove poter crescere e mettere le radici per fiorire di delicatissime primavere. Non resta che aspettare il prossimo autunno allora, quando questi "Landscapes" saranno di nuovo coperti di foglie.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti (17)
Carica commenti più vecchi
  • Sandro Giorello 05/11/2009 ore 13:57

    Caricalo anche sullo shop dai

    > rispondi a @sandro
  • Trabant 07/11/2009 ore 10:19

    viva brown :D

    > rispondi a @trabant
  • Faustiko Murizzi 09/11/2009 ore 15:40

    Cmq per "Erasmus" occorre pagare anche i Kings Of Convenience... :)

    > rispondi a @faustiko
  • ETHIENNE 02/01/2010 ore 17:46

    come butta?

    > rispondi a @ethienne
  • The Rent 05/04/2011 ore 10:46

    album bellissimo, anche dopo mesi di ascolti

    > rispondi a @therentband
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

La musica più nuova

Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

vedi tutti
Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani