< PRECEDENTE <
RECENSIONE
30/10/2009

La copertina dissemina segni inequivocabili di latinismo. Potrebbe esser la promessa di un incubo, se non fosse che il combo in questione dimostra una maturità e una capacità di gestire e, sopratutto, declinare il discorso, in forma credibile e sicuramente al di sopra della media nazionale. Non siamo nell'Arizona di Calexico e Giant Sand, bensì in Toscana, dove il suono viene molato a regola d'arte meglio che a Tucson. Intendiamoci, nulla che voglia eccedere le frontiere già battute in lungo e in largo da certa attitudine indie nel decennio scorso, in merito a soluzioni armoniche e suono vero e proprio, ma rinvenendo nel disco una lucida consapevolezza da parte della band delle suddette premesse, ci lasciamo andare più leggeri sulle trame agrodolci di queste undici canzoni.

Il primo episodio, "Wild & Scary", ballata beatlesiana in vena di bagordi calexichiani - con fiati e archi che entrano dolcemente nell'inciso - suono gradevolmente secco su uno sfondo bucolico. "You Cannot Stop", energica cavalcata elettrica, è un esempio ben riuscito di come si possa metabolizzare la lezione schiettamente indie di gruppi come Low e Black Heart Procession, restando tuttavia sufficientemente fedeli alla propria voce. La terza traccia, "Forgot To Say I Still Love You", è un guazzabuglio conturbante di folk equestre, vaudeville e blues, e una canzone che potrebbe essere stata scritta passeggiando con Tom Waits e i suoi cani della pioggia. "Sigma" si fa carico di un blues straziante, è certamente uno degli highlights del disco.

Poi il lavoro procede tra alti e bassi, dentro e fuori il genere - come in "I've Got The Key To Change The World", funkettone lisergico di ottima interpretazione drammatica - con passo sempre rigorosamente misurato, e su tutto aleggiano i fantasmi di Smiths, Nick Cave e anche gli Starmarket.

"Wild Nights Quiet Dreams" è un disco onesto, si sarebbe detto un tempo, di rock contaminato, dalle soluzioni mature e con un suono ben curato. Ben ristorati dall'ascolto, avremmo desiderato solo un tentativo maggiore della band di svincolarsi dalle sabbie di quella che ormai è storia, forse con un pizzico in meno di piglio melodico e più rischio personale. Lo so, può suonare fuori luogo, come chiedere ad un pittore di annacquare il colore, ma forse ne sarebbe davvero valsa la pena.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti (1)
  • CurtisJones 03/12/2009 ore 11:32

    Bravi. Davvero.

    > rispondi a @curtisjones
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti
Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani