< PRECEDENTE <
RECENSIONE
30/10/2009

La copertina dissemina segni inequivocabili di latinismo. Potrebbe esser la promessa di un incubo, se non fosse che il combo in questione dimostra una maturità e una capacità di gestire e, sopratutto, declinare il discorso, in forma credibile e sicuramente al di sopra della media nazionale. Non siamo nell'Arizona di Calexico e Giant Sand, bensì in Toscana, dove il suono viene molato a regola d'arte meglio che a Tucson. Intendiamoci, nulla che voglia eccedere le frontiere già battute in lungo e in largo da certa attitudine indie nel decennio scorso, in merito a soluzioni armoniche e suono vero e proprio, ma rinvenendo nel disco una lucida consapevolezza da parte della band delle suddette premesse, ci lasciamo andare più leggeri sulle trame agrodolci di queste undici canzoni.

Il primo episodio, "Wild & Scary", ballata beatlesiana in vena di bagordi calexichiani - con fiati e archi che entrano dolcemente nell'inciso - suono gradevolmente secco su uno sfondo bucolico. "You Cannot Stop", energica cavalcata elettrica, è un esempio ben riuscito di come si possa metabolizzare la lezione schiettamente indie di gruppi come Low e Black Heart Procession, restando tuttavia sufficientemente fedeli alla propria voce. La terza traccia, "Forgot To Say I Still Love You", è un guazzabuglio conturbante di folk equestre, vaudeville e blues, e una canzone che potrebbe essere stata scritta passeggiando con Tom Waits e i suoi cani della pioggia. "Sigma" si fa carico di un blues straziante, è certamente uno degli highlights del disco.

Poi il lavoro procede tra alti e bassi, dentro e fuori il genere - come in "I've Got The Key To Change The World", funkettone lisergico di ottima interpretazione drammatica - con passo sempre rigorosamente misurato, e su tutto aleggiano i fantasmi di Smiths, Nick Cave e anche gli Starmarket.

"Wild Nights Quiet Dreams" è un disco onesto, si sarebbe detto un tempo, di rock contaminato, dalle soluzioni mature e con un suono ben curato. Ben ristorati dall'ascolto, avremmo desiderato solo un tentativo maggiore della band di svincolarsi dalle sabbie di quella che ormai è storia, forse con un pizzico in meno di piglio melodico e più rischio personale. Lo so, può suonare fuori luogo, come chiedere ad un pittore di annacquare il colore, ma forse ne sarebbe davvero valsa la pena.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (1)
  • CurtisJones 03/12/2009 ore 11:32

    Bravi. Davvero.

    > rispondi a @curtisjones
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti