Helena Verter (ex HV) Questione di ore 2009 - Rock, Indie, Alternativo

Questione di ore precedente precedente

Gli Helena Verter sono un gruppo pop-rock marchigiano in controtendenza rispetto a mezza Italia: mentre di solito gli indipendenti sono incapaci ma fruttuosi, gli HV sono musicalmente competenti ma un po' sterili. Sono bravi, ma non si applicano. Me lo dicevano anche le maestre da bambino. Ma non divaghiamo: Lei è una cantante dalla voce profonda e ben definita ed il gruppo che l'accompagna è equilibrato e capace, ma non arrivano da nessuna parte perché difettano di originalità. Un po' Patti Smith, un po' Carmen Consoli, un po' Alanis Morisette, senza catturarne la vera essenza.

Questo secondo disco, "Questione di ore", è costantemente in bilico, sul point-break di piacere e non piacere - che vuol dire non piacere – e non si ammorbidiscono neanche dopo diversi ascolti. Possiamo promuovere in estremis qualche pezzo rock più raffinato come "Brividi" e "Percezione delle cose", insieme a "2:00 pm" e "5 mg... di vero niente" perché ricorda Donatella Rettore; ma le canzoni restanti scivolano lasciando molto indifferenti, soprattutto nei testi che, dispiace dirlo, non sono per niente accattivanti: fra il poetico, l'etico, il morale e il provocatorio, shakerato senza ghiaccio. In pratica noiosi.

Già alla prima uscita gli HV furono incitati a dare qualcosa in più, di risaltare dal semplice pop/rock che "non" finisce mai in classifica per tentare di emergere, ma hanno scelto di fare i recidivi e questo non gioca a loro favore. Viene da chiedersi sconsolati: sono bravi e non si applicano o viceversa?

---
La recensione Questione di ore di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2010-01-21 00:00:00

COMMENTI (18)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • iggy 12 anni Rispondi

    solo a volte??

    (adoro sputtanare questo paese di egoisti troglofasciomafiobigotti)
    :[

  • kappah 12 anni Rispondi

    E hai ragione che ci debbono ritirare allauri tastiere e pure penne, perchè gli Appaloosa sono un'interessantissima novitezza, tiro botta e "spostamento del linguaggio" :? :) :] [: Eh! Eh! Cari vecchi parametri, a volte mi viene da pensare che sto paese si merita proprio le canzoni di Jovanotti per i film di Muccino! Oltre che il Berlu sul trono!

  • iggy 12 anni Rispondi

    urcuggiuda, quasi che mi perdevo i vostri cerebropippotti..!
    e, prima di appoggiar la mozione p.u.m.a.t.i.g.r.e., volevo dire che posso dire di poter dire che direi che anche v. hugo non era esente dal dire minchiate.. tipo 'la forma è la sostanza che viene a galla'.
    ora è dopo, quindi vado ad appoggiar la granfelinica mozione di cui sopra.

    peccato che nessuno di voi dottori abbia citato i toscani appaloosa tralle interessanti novitezze. roba da ritirarvi gli allauri..
    :[
    evvai di emoticonz!
    [:
    [:

  • antonioilgaro 12 anni Rispondi

    Il Ferrari ha messo un nuovo disco in giro, ma non con i Verdena. COn un gruppo di soli bergamaschi che si chiama Betoschi, anzi, ”83705CH1"


    (Messaggio editato da antonioilgaro il 30/01/2010 13:56:11)

  • silizium 12 anni Rispondi

    scusami antonio se t'ho chiamato alberto, ma nel mentre in cui scrivevo stavo ascoltando un ep dei Verdena, e ho peccato di traslazione. Nel frattempo pensavo: "perchè il Ferrari non mette in giro il disco nuovo?". Divago. Ora torno.
    Pienamente d'accordo sul "magnamose na pizza!"..
    Tanto en Italie finisce tutto così, attorno ad un tavolo, a riempirsi le teste e lo stomaco.
    Invece di p.u.m.a. io proporrei un altro acronimo:
    T.I.G.R.E. ---> Tartarughe Imbevute (di) Gretto Regime Esternano.

  • kappah 12 anni Rispondi

    Niente emoticon sto giro.
    2 COSE.
    1) Berlusconi ha vinto le elezioni per un generale abbassamento del livello di pensiero in questo paese, non dovuto al relativismo, piuttosto ad un dilagante populismo promosso in tutti i modi possibili ed immaginabili, immediatamente decodificabili e non, grazie ad uno strumento tristemente ma realisticamente (nella circostanza) demonizzabile: l'eccesso il danaro.
    2) relativismo. Questione veramente complessa. Punti di vista? Si e No. Alcune cose sono oggettive. Vai a dire ad un giapponese di tagliare le pietanze col coltello, opure lo sapete che secondo la visione del mondo di un cinese il tratto distintivo è la lucidità, o viceversa l'opacità? C'est a dire: due scarpe, una bianca e una nera, per lui saranno "diverse" se una e' lucida e l'altra no. Alcune popolazioni considerano l'addizione e la sottrazione in modo diverso da come le consideriamo noi, esempio: pongo la domanda: se a sei frecce ne sottraggo due, quante ne restano, la risposta non sara' quattro, ma sarà: dipende "quali" togli.
    A questo punto voglio aggiungere pero' che il P.U.M.A. è un'idea veramente carina, e che Musica per Bambini è senza dubbio l'avanguardia della musica...italiana!
    Scegliamo la citta' per il convegno del P.U.M.A. filmiamo tutto e poi mettiamo on line, vuoi vedere che un senso c'è!!
    Buon week end!

  • antonioilgaro 12 anni Rispondi

    Beh, innanzitutto mi chiamo Antonio, non Alberto, e vada pure per gli emoticon, tanto vogliono promuovere il processo breve.
    Sarò volontariamente poco serio nelle prossime righe, perché tutti abbiamo capito non ci vogliamo male. Gente, ma perché non prendiamo un punto a metà strada fra le nostre città, lì cerchiamo una pizzeria e passiamo le successive settimane a discutere sulla differenza fra choro e samba, da ubriachi magari. Sul serio, sarebbe divertente. Lo potremmo chiamare il P.U.M.A "Patafisica Unita a Musica e Arti".
    Attenzione a creare dicotomie fra noia e novità, è fuorviante. Se la novità è un fattore condivisibile e dimostrabile la noia è una percezione di non interesse molto, ma molto, personale.
    Io per esempio amo Arvo Part, secondo me è un genio e lo ascolterei per giornate, ma chi mi sta accanto non lo sopporta neanche per 5 minuti. E poi saprete anche voi che su John Cage sono state sprecate (nel bene e nel male) quintalate di inchiostro ma la sua vera passione era la micologia. Quando venne in Italia partecipò a lascia e raddoppia di Mike Bongiorno sotto la categoria "funghi" per vincere e potersi pagare la permanenza fra i colti della Penisola. Questo ci dovrebbe far pensare molto.
    E poi perchè non ci possono essere novità nel pop/rock? Prendete i Radiohead, i Nine Inch Nails o Dan Deacon.
    Infine devo dire qualche nome... sapete che mi sarebbe piaciuto molto dire i Sunn o))), anche perché mi risulta facile ascoltarli per intero, ma devo citare gruppi che non avete già detto e cose che non conoscete. Fossi nato indovino... Vediamo, ma si Merzbow lo dico anche se è da circa 30 anni che fa le stesse cose, ma se devo prendere qualcuno di più recente io credo di poter puntare su il canadese Final Fantasy (nome d'arte di Owen Pallet, già violinista di Arcade Fire), i sardi Bachi da Pietra, gli emiliani April Comes In June (che ho recensito per rockit ma la redazione non ha ancora pubblicato, per fortuna perché è una recensione orribile), il brasiliano Tom Ze (gli ultimi dischi sono stupendi), i giapponesi Soil And The Pimp Session, i Losalios (altri giapponesi che io insegnerei nelle scuole elementari), i sudafricani Boo!, il francese Sanseverino, l'americano Goldmund e ancora gli italiani Musica Per Bambini. Non so se vi piaceranno ma sono alcuni dei miei gruppi preferiti (di quelli che non piacciono a mia madre, per intenderci).
    Mi sono scordato qualcosa? Sicuramente, ma tanto mi rifarò al prossimo convegno del P.U.M.A.

    p.s.: Sapete che secondo me la femme degli Helena Verter non ha proprio niente da spartire con la defunta Russo, tanto meno con Nada. Piuttosto la accosterei ad Alice, oppure Patty Pravo.
    p.s.: Io sono machista? Al massimo ma(so)chista. sono cresciuto con due sorelle maggiori e la mia massima dimostrazione di virilità è quando apro i barattoli duri. Non scherzo, questo link dimostra l'assenza di ogni tratto maschile in me: http://it.netlog.com/trauma_elettronico/photo/photoid=52950856&;surr=0#photos
    E chi tira in ballo Freud (del tipo che sono un represso e mi sfogo sulle pagine di un sito musicale offendendo donne a caso e certe volte fai degli strani pensieri, con una mano ti sfiori, tu sola nella tua stanza a tutto il mondo fuori) è un superficiale. Tzè.

  • silizium 12 anni Rispondi

    posso citare qualcuno anche io?
    Mmmmmhh, deciso. Cito Bourriaud, così ti rispondo anche, caro Antonio: "The NEW is no longer a criterion" (Nicolas Bourriaud, Dijon, Les presses du réel, 2002).
    Io stavo parlando del criterio critico, non della musica innovativa. Dicevo: è assurdo, nell'anno domini 2010 giudicare una band pop-rock akternativo seguendo il criterio della novità o della noia.
    I sun))) hanno fatto la storia del drone ma io ti sfido ad ascoltare una loro traccia (1h 5m) di continuo.
    John Cage ha eseguito, e ripeto, eseguito, 4 minuti e 33 secondi di silenzio.
    Questo per quanta riguarda l'aggettivo "noiosi".
    Per il criterio novità, caro il mio Alberto, fattelo dire da uno che non ascolta la musica da 50 anni, se devo ascoltare una musica nuova, di certo non cerco del pop-rock, nè tantomeno tutti i gruppi di punta che ruotano qui sul portale per cui tu lavori. Ascolto invero Marina Rosenfeld, Luomo, Aus e tanti altri, che se vuoi, in privato, continuo a citare.
    Per quanto riguarda la questione forma e sostanza:
    il dualismo hegeliano/crociano in perfetta opposizione ha condotto, tra molti altri fattori, allo sviluppo dei totalitarismi europei e al (secondo) più grande massacro umano della storia (il primo è quello del popolo armeno, per numero e atrocità).
    Poi cosa posso dirti? ah, delle mestruazioni. Complimenti per l'ironia, ma la spiegazione comparata proprio non tiene.
    Non puoi accostare delle donne solo perchè hanno le mestruazioni. Fortunatamente te ne sei accorto da te del machismo strisciante nelle tue parole. O forse le tre tizie là sopra sono le uniche rocker che conosci? A me la voce della cantante fà più pensare ad una Giuni Russo, ad una Nada, si, dai, anche ad una Rettore.
    Per finire. Consigliaci qualcosa tu di innovativo, accattivante, eccelso. E bada bene a non citare nomi che già conosco, altrimenti fai il mio gioco, o il tuo?
    Con rispetto umano,
    SLZ

  • kappah 12 anni Rispondi

    1)[: :] :? :) [: :] E' vero le emoticon sono una cazzata appariscente! E siccome non è una trattazione accademica e questa sede lo permette benvengano anche le cazzate appariscenti (in questo senso w l'indecenza)
    2)Non faccio dichiarazioni sugli Helena Verter che rivelino la mia "competenza" analitica, perchè non mi "compete" in questa sede, non sono io che faccio recensioni qui!Pero' non condivido questa opinione diffusa che le osservazioni di carattere generale, siano piu' comprensibili, alla portata di tutti, credo che un'analisi profonda possa essere compresa da tutti se espressa in modo semplice.
    3) Siamo in molti ad essere laureati, pero' c'è sempre una lezione in piu'...da imparare per lo meno per me, dammi retta tutti a musicologia pero' sarebbero troppi!! Comunque, anche se tu fossi superficiale certo non si puo' dire che tu non sia simpatico! E beccati l'emoticon
    :) Su Barcellona non scherzavo, è molto divertente, e si vive bene, senza grosse pretese!

  • antonioilgaro 12 anni Rispondi

    Scusate se mi sono esentato dal rispondere fino ad ora, ma ci sono giorni in cui proprio non posso stare dietro internet.
    Quindi non so da che parte mi devo rifare, proviamo a cominciare, come si dovrebbe, dal principio:
    1) La bravura di una band è anche - ho detto anche - di sapersi proprorre al pubblico. Certo che se un gruppo che suona peggio di te ma sa proporsi meglio di te, è quasi ovvio che fara più bella figura. Guarda una cazzata come Vasco Rossi che ha deciso di fare gli ultimi concerti con finale solo voce e chitarra acustica e mostrarsi con una chitarra nella copertina Tracks2 (a me pare copiato Bruce Springsteen). Vasco ha schivato le accuse di non saper suonare e ora passa per un musicista completo, si è riposizionato nella scena musicale italiana (è marketing, non fuffa). Ora lo si potrebbe persino chiamare cantautore.
    2) Il compromesso non è il peggior male della musica italiana (soprattutto indipendente). La banalità, come in tante arti, è il peggior male. Per la musica ogni persona che ci si avvicina, dal musicista al critico, deve scendere a qualche tipo di compromesso.
    3) Probabilmente Silizium non ascolti musica da cinquant'anni. Va bene il rocchenroll che è ribellione e tutto il resto, ma da qui al 1959 (anno della fine del r'n'r) di cose ne sono successe - nel frattempo Elvis è morto, il punk è diventato commerciale e sono uscite due trilogie di Star Trek - e anche se vuoi fare lo striminzito almeno fino al 1995 di novità musicali ce ne sono state. Inoltre io non credo nell'esaurimento, almeno imminente, degli elementi della musica popular, piuttosto credo nella mancanza di iconoclasti. Ci sono due spiriti per approcciarsi alla musica che non sono mai veramente separati fra di loro: di emulazione e di innovazione.
    4) Victor Hugo sosteneva che "la forma è la sostanza che viene a galla".
    5) Patti Smith la chiamano la sacerdotessa del rock, un motivo ci sarà; Helena Verter della vecchia signora ha ripreso l'attitudine del rock al femminile, tanto impermeato di fare poetico (ascolta Sci-volano barche o 2:00 pm). La canadese Alanis Morisette invece ha portato molto pop nel rock e viceversa, inclusi elementi come l'elettronica soft, ed ha reintrodotto la band-leader femminile nella scena musicale negli anni '90, in questo Helena Verter è simile nelle intenzioni (allargamento, inclusione, riabilitazione) e il modo di cantare non è poi così dissimile (Percezione delle cose, Brividi). La nostrana Consoli è famosa per i suoi testi articolati e le parole inusuali, Helena Verter non fa un uso spregiudicato degli avverbi come Carmen, ma fra aggettivi percettivi, sostantivi iconici e simbolismi non è poi tanto di fuori il paragone.
    Questo è quello che mi viene in mente al volo, ma non escludete a priori (solo perché l'ho detto io) altri paragoni e similitudini. Invece se pensate esclusivamente che in comune tutte abbiano le mestruazioni, fate un pò voi, a me sta bene...
    6) Non ho ben capito il discorso sulla moralità, soprattutto il perché siano stati tirati in ballo i Ministri che io - né qui, né altrove - ho giudicato innovativi. E considerate che gli incensati di Milano hanno un atteggiamento politically uncorrect, molto particolare dal punto di vista etico e morale.
    7) Attenzione! Io mi sono basato esclusivamente sulla musica e sulle dichiarazioni implicite ed esplcite del gruppo, non su foto, filmati o cose che non rientrano nell'analisi musicale, e non vedo come si possa intendere altrimenti da come mi sono espresso nella recensione.
    8) Allora... ovviamente in 2000 battute o meno io non posso certo dilungarmi in analisi paradigmatiche come quelle di Nicolas Ruwet o le analisi strutturali di Claude Levi-Strauss, soprattutto su un sito come Rockit che certo non è la piazza di queste cose; prima o poi ci iscriveremo tutti alla facoltà di Musicologia di Cremona, ma per ora limitiamoci a gettare considerazioni generali e alla portata di tutti. Io ritengo di non essere stato troppo personale, nei limiti del possibile, e comunque non ti credere che io stesso non apprezzi, per questo o l'altro motivo, gruppi che so essere tecnicamente scarsi o banali fino al midollo, ma non ho la pretesa di farli piacere ad altri. Io non me la sento di consigliarvi un gruppo come gli HV se avete voglia di ascoltare qualcosa di innovativo, accativante o eccelso, eppure questo non vuol dire che non possano piacervi.
    9) Kappah, tu non fai dichiarazioni sugli Helena Verter che rivelano la competenza analitica che si suppone tu abbia. Fino al momento di un confronto concreto e qualificabile rimane la mia parola contro la tua. Io avrei solo il privilegio di scrivere su un sito (bel privilegio del menga) che, nonostante tutte le critiche che leggitimamente si merita, tutti voi state leggendo e prendete come riferimento, quindi la mia parola dovrebbe avere una sorta di autorità, anche se nemmeno io ci credo.
    10) Il sapersi presentare, anche se io non lo ho mai messa nei termini come avete inteso voi, è secondo me una questione più che degna di nota. Se non vi va di discuterla, vedremo di non parlarne più, però abbiate la decenza di non usare le emoticons che sono una cazzata appariscente.
    11) Kappah, se a Barcellona non ci sono mai stato non posso mica crocifiggermi, trovami un lavoro oppure un couchsurfer e un carpooler e vedrò di passarci le prossime vacanze.
    12) Studente non lo sono più: mi sono laureato a Dicembre. Musicista neanche, lo sono solo per il mio cane (che non mi gradisce), mentre scrittore lo sono perché non esiste un altro sostantivo per descrivere il modo in cui maltratto la tastiera, il mio è un tentativo mirato per demolire l'Accademia della Crusca. In realtà ho molto tempo libero (non lavoro più da un po') e lo sfrutto tutto male.
    13) Non credo di dovere fare alcuna bella figura, o meglio, finché non offendo la mamma di nessuno e faccio valere le mie ragioni io non devo avere paura delle critiche di nessuno.
    14) Mi fa piacere notare che finora ho comunque avuto modo di parlare con persone gentili e trattabili, senza sfociare nell'ignoranza o nella presunzione (forse ce ne sono state da parte mia).
    15) Se sono superficiale faccio le mie scuse e vedrò di migliorare, probabilmente è perché mi si vuole vedere così, esattamente come gli utenti di Rockit vogliono vedere tutti i colaboratori di Rockit (siamo tutti una grande branca di faciloni). Però credere alla faccenda della sovrapponibilità è da superficali.
    16) Cara Brusbi, non credo di avere molto da dirti, in quanto ti sei dimostrata la più candida, la meno perniciosa. Vedo che non vuoi farmi cadere in fallo come invece hanno voluto fare gli altri gentiluomini e non ho da dire niente se non che è esclusivamente una tua considerazione (sulla musica, la comunicazione, l'arte, Helena Verter, la vita, l'universo e tutto quanto) che rispetto in quanto rispetto tutti a prescindere, ma purtroppo io non sono relativista. E mi sono stancato di giustificare i gruppi perché sono emergenti o indipendenti o amici di amici o sotto l'etichetta equo-solidale o attiva politicamente.
    Basta giustificazionismo! Il giustificazionismo ha fatto vincere Berlusconi alle ultime elezioni.
    17) Mi sono sicuramente scordato qualcosa, ma non ho voglia di rileggere per l'ennesima volta tutto da principio. Mi sono anche reso conto di avere omesso certe cose nella recensione che avrei voluto dire, e certe cose sono state omesse anche in fase di correzione della bozza. Questa sarebbe l'occasione buona per farvela vedere come la intendevo io. Mi basta aprire il file sul computer e fare copia-incolla. Ora lo faccio. Anzi no, non mi fa voglia. E' tardi e devo ancora finire di vedere in streaming la serie "Lie to me" con Tim Roth. Oh, si.
    18) Di solito a questo punto dico sempre che le mie recensioni, oltre ad essere opinabili e sputtanabili quanto volete, non potranno mai rappresentare appieno anche il pensiero degli altri e quindi saranno sempre suscettibili a critiche e revisioni.
    Io non me la prendo a male, voi non lo so. Tanto sono un superficiale.

IL TUO CARRELLO