Ever Since Big peace 2001 - Rock, Pop, Alternativo

precedente precedente

A dispetto di un’età media molto bassa (19 anni), i salernitani Ever Since sembrano già esperti. Il loro mini cd-r d’esordio, “Big peace”, è un’autentica sorpresa, sia per la maturità del livello compositivo che per il talento che trasuda dal loro lavoro. Discorso che vale in particolar modo per “Bright”, la bellissima traccia d’apertura: un pezzo melodico ma non stucchevole, un viaggio pop sospinto dall’arpeggio di una chitarra elettrica capace di evocare le migliori band d’oltremanica.

Gli altri due pezzi quasi sfigurano, è il caso di dirlo, di fronte ad un’apertura così…brillante: “Big peace” non è male, ma è forte il sospetto che, in realtà, a cantare sia Billy Corgan! Per ciò che riguarda “It’s gonna make you cry”, la parte chitarristica risente dell’influenza degli U2, una delle band citate dalla band salernitana come una delle principali influenze artistiche. Anche se si tratta di due brani che non reggono il confronto con “Bright”, ciò non toglie che i quattro ragazzi abbiano le carte in regola per convincere un’etichetta a metterli sotto contratto. Solo in quel momento sapremo se la scena nazionale underground avrà trovato la sua (ennesima?) ‘next big thing’.

---
La recensione Big peace di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2001-06-06 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia