< PRECEDENTE <
album Karel Thole - Speedy Peones

recensione Speedy Peones Karel Thole

Shyrec / Tornado Ride Records 2010 - Punk, Indie, Alternativo

RECENSIONE
19/04/2010

Gli Speedy Peones. Ah! Dopo il foooolgorante "Fast-Listening" (2008), il più figo gruppo padovano (esagerato, te avresti detto italiano?) torna con "Karel Thole". Dodici brani che si riaffidano a quella ricerca consolidata dalla band negli ultimi anni, figlia di estetiche trasversali, di scelte sonore ricche di garage (Fleshtones e Fuzztones) e magnifiche infatuazioni trash pop, fino alla realizzazione di quel tremendo magma post-punk che aveva trovato nell'ep del 2008 la massima esplosione.

Dedicato all'illustratore olandese Karel Thole, l'album si presenta a partire dall'artwork come uno psichedelico collage che mescola trip cromatrici tra fumetto e fantascienza. E l'ensamble artistico del booklet è quanto di più azzeccato nel riflettere l'impasto stilistico che accoglie l'ascolto di queste dodici schegge. La formula è ancora la stessa di "Fast-Listening", e niente chiedevamo di più. Pezzi di punk sbriciolato su sintetizzatori drum machine e tastiere del nuovo millennio, nella ricerca di un suono dannatamente vintage, che sputa sulla carcassa degli anni novanta con la strafottenza nelle tasche e gli Stooges nelle cuffie. Quello a cui si assiste è infatti un salto generazionale che scavalca con prepotenza trentanni di musica, andando a pescare nei '70 e negli '80 i riferimenti per eccellenza del suono Peones. Inevitabile pensare agli Mc5, ai loro deliri punk-rock e alle ritmiche selvagge vive nel beckground della band padovana.

A dimostrare la continuità con le scelte sonore di "Fast-Listening" è inoltre la presenza di tutte e cinque le tracce del vecchio ep che, allora prodotte dalla lungimirante Marsiglia Records, si riversano oggi invariate nel nuovo lavoro. Ecco allora ritrovarsi di fronte a vecchi pezzi come "Bleed" o "Grand Arab Ok Ok", accompagnati da nuove tracce: dall'apertura di "Roma" al basso vorticoso di "Cinebrividus", dallo skit elettronico di "Voiture Tempo" (quaranta secondi che sembrano usciti dalle scuderie della Ed Banger) alla chiusura ipnotica di "Moon". Pezzi più freschi, che si gonfiano maggiormente di tastiere e riferimenti elettronici, che accantonano le coloriture in lingua francese del precedente lavoro, ma che in sostanza sembrano perfettamente emulare i livelli sorprendenti di due anni fa. Ed è sorprendente così. Un pezzo come "Mafia" è sorprendente. Esplicito e violento. Come nel complesso "Karel Thole" e i suoi venti minuti (meno di due minuti a traccia). Che scorrono rapidi rapidi. Incazzati selvaggi visionari. Caotici ed erotici. Fatti di tutto e del contrario di tutto. Per quello che è il gruppo post-punk italiano più figo del momento. Ah!

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (8)
Carica commenti più vecchi
  • Shyrec 20/04/2010 ore 14:02

    Dai ciò, Renso: El bocia gà scritto "più figo" e no "più bravo".

    :D

    > rispondi a @shyreccom
  • Faustiko Murizzi 21/04/2010 ore 16:54

    :] :] :] :]

    > rispondi a @faustiko
  • Renzo Stefanel 22/04/2010 ore 22:45

    Dai, anche sul più figo ce n'è qualcuno davanti. Oh, senza togliere nulla ai bravi Speedy Peones, eh. Dimenticavo gli immensi Red Worms Farm, nella lista.

    > rispondi a @re
  • Faustiko Murizzi 23/04/2010 ore 10:51

    Ma a me faceva ridere la replica al tuo post in dialetto... :)

    > rispondi a @faustiko
  • Shyrec 24/04/2010 ore 22:11

    Concordo, i Red Worms' Farm sono attualmente irraggiungibili.
    Stima immensa per i vermi e per la loro musica!

    > rispondi a @shyreccom
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti