Megastore Appearence 2001 - Noise

precedente precedente

Un lavoro di qualche tempo fa, giunge solo ora in redazione, sto parlando dei Megastore, formazione romana che avrebbe meritato ben altre attenzioni, vista la notevole validità artistica.

Distribuito da Break Even Point/Helter Skelter, Appearance é il titolo del loro rumoroso album d'esordio, con il quale esplorano le lande scoscese del noise melodico, un ossimoro che nel caso di questa formazione calza a pennello, visto che il rumore imperante riesce a non soffocare del tutto la melodica.

La band si muove da anni nell'underground romano, fondata da due musicisti provenienti dagli HeadSpring, una delle primissime noisybands di Roma dei primi anni‘90, e da due componenti dei Crunch.

La preparazione della band e l'elevata presenza di idee, permette ai Megastore di comporre undici brani come undici pugni allo stomaco, con qualche lieve carezza dispensata per lenire l'impatto di un tessuto chitarristico che arranca intrecciando saturazioni e arpeggi stonati, dialogando con una portante ritmica decisamente isterica.

Non sempre condivido la scelta di cantare in inglese, ma in questo caso ci troviamo di fronte a liriche ineccepibili che si sposano perfettamente alle note, anche grazie a una voce versatile e potente, che sa grugnire e intonare al tempo stesso.

Forse non lasceranno tracce del loro passaggio e difficilmente rivedremo i Megastore sulle scene (a quanto pare la band ha deciso di sciogliersi), ma questo Appereance rimane un album pregevole e stimolante, da gustare tutto d'un fiato, possibilmente con un livello del volume che superi la soglia consentita dal condominio.

---
La recensione Appearence di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2001-06-24 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia