22/03/2010

Dopo i fratelli Bloody Beetroots ecco arrivare Phra e Bot col loro opus maximum. E anche loro fanno centro, con tutti i distinguo del caso e le distanze necessarie. Il discorso di Bob Rifo è, diciamo, politico. Lui viene dal punk e c'ha quelle idee in testa: l'anarchia, l'urlare, il tupa tupa, le distorsioni, i proclami, l'aura mitica del suo corpus Rifus. Quello dei Crookers è di tutt'altra pasta. Raggiunta la vetta major e attorniatisi, grazie a tour su tour e remix su remix (dobbiamo ricordarveli?), di amici di ogni tipo e risma (non si è mai visto un tale parterre di star in un disco made in Italy!), arrivano a confezionare un'opera al passo coi tempi, eccitante, ricchissima, per dancefloor ma non solo, che si discosta di gran lunga da altre opere del genere (gli esordi di Digitalism, Justice, Vitalic, Boys Noize) per avvicinarsi solo ad alcune eccezioni (gli esordi di Tiga, Major Lazer, Dizzee Rascal). "Tons of Friends" è infatti il seguito ideale di "Gunz don't kill people, lazers do!" che copula con la raffinatezza produttiva e l'orecchio pop di un "Sexor" o un "Ciao!".

Il bello è che all'interno, oltre a star come Will I. Am, Kelis, Soulwax, (una scatenata) Roisin Murphy, Kid Cudi (come poteva mancare), Miike Snow, Yelle, Tim Burgess (sì, quello dei Charlatans) e gli stessi Major Lazer, Phra e Bot portano all'onore internazionale uno dei migliori e più originali Mc e produttori italiani contemporanei: Dargen D'Amico (la cosa più sana uscita dalla Dogo Gang, ammettiamolo), oltre ad avere l'onore di fare intro e outro della versione italiana (batte Fabri Fibra e Samuel, le altre due guest nostrane del disco), è l'unico artista che rappresenta l'Italia all'estero in "Tons of Friends".

E non è il becerume italiota del pop, ma è l'underground (d'ora in avanti un po' meno… quindi tutti a rispolverare "Musica Senza Musicisti" e la bibbia "Di Vizi Di Forma Virtù"), che brilla di luce propria accanto a The Very Best e Marina Ribatski dei Bonde do Role in "Birthday Bash". E il resto è un turbine che parte alla grande con la copula di Mixhell e Soulwax nell'iniziale "We Love Animals" (in mezzo voglio citare un pezzo bomba, che però trovate solo in digitale, come "Hip Hop Changed" con Rye Rye) e finisce con un Kid Cudi che prima scherza con un a cappella di "Day N Nite" e poi si scioglie in "Embrace The Martian", un sincopato rapping che vira in ritornello saturo di soul pop. In mezzo di tutto, ma un tutto che non stanca dall'inizio alla fine, un tutto fatto di canzoni, prima che di pezzi killer per il dancefloor. Prossimo passo? Lady Gaga o un Dizzee Rascal potrebbero essere interessati secondo me…

Commenti (5)

Carica commenti più vecchi
  • Francesco De Paoli 29/03/2010 ore 20:13 @francescodepaoli

    Comprato appena uscito... In effetti nella versione italiana la mancanza di "Hip Hop Changed" si sente un po'. Però vabbè "Festa Festa" compensa alla grande, mentre "Luce" altro non è che un outtake dei Subsonica (quasi un mashuppone di brani degli electroclashers torinesi). Bello!

  • Barnaba Ponchielli 30/03/2010 ore 15:24 @musicaperdrogati

    director's cut
    http://musicaperdrogati.blogspot.com/
    :[

  • Wolly 30/03/2010 ore 15:40 @lello128

    Dargen D'Amico (la cosa più sana uscita dalla Dogo Gang, ammettiamolo)

    Finalmente posso concordare con il giudizio dato da un'articolo di Rockit a riguardo della DOGO GANG e del CLUB DOGO.

  • Stefano Palazzo 02/04/2010 ore 11:55 @ilbuffonedicorte

    Hip Hop Changed è sicuramente di un altro livello rispetto al featuring con Fabri Fibra, ma tutto sommato la differenza non è così eclatante e resta comunque un CD della madonna! :D

  • accorgitene 06/04/2010 ore 10:42 @accorgitene

    concordo con il buffone di corte: unciddìdellamadonna!
    [:


    (Messaggio editato da accorgitene il 06/04/2010 10:42:37)

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati