08/06/2010

La conquista della Conoscenza è probabilmente un devastante percorso verso l'alienazione. L'illusione di innalzarsi a Dio e il baratro del vuoto cosmico. Un tragitto estatico di sofferenza e contemplazione: "Knowledge is a godlike snake", e gli Ufomammut tratteggiano su Eva un poema maestoso e visionario. Perché dopo quattro dischi, definitivamente consapevoli di aver costruito il suono di ciò che è definito sulle riviste di mezza Europa come psichedelia pesante, il trio piemontese pubblica ciò che (paradossalmente) non aveva mai fatto: un concept-album costituito da un'unica e imponente suite di 45 minuti. E' così che in "Eve" confluiscono vibrazioni e apocalissi distorte già sperimentate a fondo in precedenza. Gli oscillatori corrosi dagli acidi lisergici di "Snailking", il fuzz ciclopico dei riff di "Lucifer Songs" e le ossessioni oscure di "Idolum": tutto è qui stravolto e addensato su livelli progressivi, con una tendenza al sound-on-sound finalmente gratificata da dilatazioni e strutture capaci di evolversi, contorcersi e annullarsi nel corso dell'intero disco. Soundscapes perforanti tra cellule ricorsive e stratificazioni acustiche dalla genesi irriconoscibile, in un'inedita e riuscita coesione di tappeti elettronici e valvole in saturazione. Le bolle magmatiche dei Pink Floyd di Pompei riproposte a volumi fisici da collasso cardiaco. La stessa fascinazione subita dagli Om per le litanie riverberate di "Set the controls for the heart of the sun". Citazioni tra i Neurosis e le montagne chitarrose degli stessi Ufomammut. Kraut-rock imploso nelle droghe o nelle serigrafie di Malleus. Forte di suoni dal mastering rovinoso (e all'altezza di qualsiasi uscita Southern Lord) curati da Lorenzo Stecconi (Lento), "Eve" è un disco plasmato per essere riproposto dal vivo, in un enorme viaggio di sogni, folgorazione, disagio, rumore, immaginazione, volume, catarsi.

Tracklist

00:00
 
00:00

Commenti (11)

Carica commenti più vecchi
  • Valerio Ciucci 08/06/2010 ore 16:22 @vals81

    visti live a berlino qualche settimana fa...
    gli stessi crucchi sono impazziti!!! gran concerto.

  • Sdiggo 08/06/2010 ore 17:36 @sdiggo

    L'epica del delay e la letteratura del lento. Yessa.

  • Elena Muti 08/06/2010 ore 22:37 @elenamuti

    Ipnosi . . .
    Splendidi.

  • Marco Squillino 11/01/2011 ore 22:39 @marcosquillino

    Eve. Autentico culto italiano e non.

  • Marco Biasio 06/06/2011 ore 22:52 @bisius

    Fare meglio di Idolum era obiettivamente molto difficile. Ci sono andati comunque vicini. Stupefacenti Ufomammut, in tutti i sensi.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati