< PRECEDENTE <
RECENSIONE
03/05/2010

1980 o 2010? Ovviamente 2010: i trent'anni che son passati si sentono tutti, nel senso che le nuove soluzioni sonore e stilistiche ci sono e si fanno ben sentire. Ma lo spirito di questa terza fatica di Tying Tiffany è lo stesso di "Seventeen Seconds" dei Cure (lo sentite ospite in "One breath"? Non vi ricorda Robert Smith?) o di "Thirst" dei Clock Dva. E poi, certo, metteteci i Depeche Mode di una decina d'anni dopo ("Violator" e "Songs Of Faith and Devotion"), così evidenti, per dire, in "Storycide". Una spruzzatina del trip-hop oscuro di Tricky (chi si sente in "Cecile"? Costanza Francavilla) e, voilà, il cocktail è servito. Lasciato l'electroclash al suo destino, Tying Tiffany gioca a far rinascere il lato più oscuro dell'elettronica pop di Eighties e Nineties. E ci riesce bene. Non è un disco eccezionale, ma si fa ascoltare volentieri. Ed è pieno di potenziali singoli. Al quarto disco voglio il duetto con Brian Molko.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani