< PRECEDENTE <
album Rock Days - Thousands millionsDisco della settimana
RECENSIONE
05/07/2010

Questo disco è una bomba. Vale la pena andare subito al punto, visto che i primi a farlo sono proprio i Thousand Millions causando una deflagrazione di quelle il cui fragore si propaga per ore.

Piccolo passo indetro del tutto personale: tempo fa mi è capitato di andare in estasi per una canzone (e un disco) degli Zenerswoon che si chiamava "Thubchair" e che mi aveva completamente irretito per i movimenti della chitarra perfettamente legati a basso e batteria, nonché per la bellezza delle sue melodie. "Rock days" va nella medesima direzione creando un tappeto sonoro ispido e carico di elettricità pronta a liberarsi nell'aria e catturare al primo ascolto.

Se "Here and back again", il piacevolissimo disco precedente, sapeva di college rock e doveva moltissimo agli Weezer, "Rock days" sposta l'asticella più su e riesce nell'intento di confondere le acque per chi cerca influenze palesi. Non che non ci siano, sarebbe assurdo il contrario, la matrice è pur sempre il rock chitarristico che si fa power pop: impossibile quindi non pensare ai Dinosaur Jr, ai Lemonheads, ai Get up kids, quando non ai Presidents of the Usa e, se in alcuni brani sembra addirittura di sentire i Foo Fighters (siate sinceri, si può non volere molto bene a Dave Grohl?), non c'è una singola canzone definitivamente riconducibile a uno o all'altro di questi nomi.

Siamo dunque di fronte ad un lavoro che ha una sua maturità e una sua personalità ben definite, che evidenzia doti di scrittura rock non comuni e la voglia o l'attitudine a non seguire mai la strada più scontata per giungere a soluzioni sorprendenti. Stupisce ad esempio il lavoro della sezione ritmica, soprattutto per quanto riguarda la batteria: i colpi sono pochi ma decisi, nessun virtuosismo a cercare l'applauso, quanto invece un lavoro di struttura a coagularsi con il basso per creare una base solidissima che finisce per dare carattere a tutto il disco. Sorprendono anche alcune soluzioni produttive che portano in certi momenti a comprimere il suono come in un disco di electro pesante, ma su tutto sono eccellenti le melodie ricavate dalla chitarra e dalla voce che danno vita a una serie di potenziali hit che, c'è purtroppo da scommetterci, venissero sfornati da un gruppo anglosassone sarebbero in men che non si dica su tutti i palchi d'Europa e oltre.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti (1)
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti
Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani