18/11/2010

Agitatore di mattinate superflue, sprint elettronico ballabile tra strisce di nero e magliette blu, vitamine e sintetizzatori all'apice. Semi di percussioni e dubbing nervoso e secco che a tratti ricorda l'attitudine dei Clash di "Sandinista", spinte costanti sul pedale, giri più cupi e metallici rimandano ai Depeche Mode ("Frequencies"), suggestioni arabe in atmosfere eighties ("D.A.M.I.R."), basso corposo e portante più voce incisiva. "Dry wet paper plastic aluminium" si presenta molto bene e seduce subito con smalto, tra elettrodance intelligente e funk punk trascinante, riuscendo a dare una visione concreta dello stile della band e attirando attenzioni. Molto giovani, molto anglosassoni, molte vitamine. Da tenere d'occhio.

---
La recensione Antenna Trash - Recensione - Dry Wet Paper Plastic Aluminium di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 16/07/2019

Commenti (1)

  • Farabrutto 19/11/2010 ore 16:57 @farabrutto

    Ragazzi giovani ed interessanti.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati