Father Murphy No room for the weak 2010 -

No room for the weak precedente precedente

Dal trevigiano con inquietudine. In mezzo al nord est c'è una band che fa paura. Ma non perchè si vesta strano, abbia strane maschere o sia dall'aspetto torvo e inquietante. Per la musica. Sì, per quell'accrocchio di suoni (ossa) che scontrandosi gli uni con gli altri creano un humus oscuro e da rito pagano. Ecco quattro nuove canzoni ad opera di Rev. Freddie Murphy, Chiara Lee e Vicar Vittorio Demarin (una è una malatissima versione tra i Joy Division dall'oltretomba e i Bauhaus in down di "There is a war" di Leonard Cohen). Quattro canzoni da sabba stregato, da suonare in un bosco tra fumi di fuochi rituali e luci psichedeliche. Il suono di questo trio potrebbe stare benissimo dalle parti della canadese Constellation, se non addirittura sullo stesso palco degli immensi A Silver Mt Zion. Spigoloso ma evocativo, mistico e pagano, angosciante ma dagli sprazzi poetici, urlato e sussurrato, il clangore di "No Room For The Weak" fa paura e ci porta in meandri nascosti e poco battuti sentieri dell'inconscio. Asprezze gotiche che li avvicinano anche ad altri maestri del "sussurrare dalle caverne suoni e pensieri informi", quei Bachi da Pietra con cui sarebbe auspicabile un'unione temporanea, atta alla creazione di un'orchestrina degli orrori, degna di un rito funebre.

---
La recensione No room for the weak di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2010-10-01 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • iggy 12 anni Rispondi

    yesss...[:

  • elenamuti 12 anni Rispondi

    Grandissima Band ...

  • drinktome 12 anni Rispondi

    ecco. ecco una delle band migliori che abbiamo qui. e non a caso volano spesso via...

    che viaggio. che sound. che spettri...


    m.