03/11/2010

Sarebbe da ipocriti se qui a Rockit scrivessimo di Denise senza premettere che relativamente al suo esordio ufficiale le aspettative erano decisamente sopra la media. Seguiamo infatti questa giovanissima cantautrice fin dai primi passi, colpiti dalla sua capacità di giocare (termine appropriato più di ogni altra occasione!) con il pop nella declinazione più leggera e a tratti quasi onirica.

Sgombriamo quindi subito il campo dai dubbi, avvertendo fin d'ora i detrattori sempre all'erta al di là del monitor, che la produzione artistica (affidata a Gianni Maroccolo e Lorenzo "Moka" Tommasini) dei 12 brani si avvicina non poco a quanto ascoltato nelle ultime opere di Emiliana Torrini. Ma non scopriamo nulla di nuovo, siccome da sempre la cifra stilistica di Denise ha diversi punti in comune con quella dell'artista islandese.

Il risultato complessivo é dunque un album di canzoni pop che però non sembra avere ancora la forza e il respiro di un (bel) disco mainstream, connubbio al quale invece Denise potrebbe aspirare fin d'ora. Si potrà obiettare che siamo di fronte ad un'opera prima e tutte le ingenuità del caso sono più che comprensibili, ma in alcuni episodi il rischio di far apparire come monotono il classico arrangiamento chitarra e voce é dietro l'angolo.

Probabilmente sarebbe bastata una diversa disposizione delle tracce per rendere appena più frizzante l'intera raccolta; se il poker iniziale di canzoni si caratterizza per la vivacità ritmica, mano a mano che ci si avvicina alla fine del disco il ritmo rallenta inesorabilmente. Ad esempio un pezzo mozzafiato come "Horses", ricco di echi bristoliani, avrebbe goduto di una luce diversa piazzato persino come incipit anziché alla posizione 8.

Presi singolarmente, i brani hanno un fascino particolare, raccontando ognuno una sfumatura diversa della personalità artistica di Denise, in larga parte ancora inespressa ma ugualmente emozionante; tuttavia, ascoltati all'interno di un album, la sensazione é quella di avere a che fare con canzoni fotocopia. E spiace constatarlo, proprio perché per i motivi finora esposti, "Dodo, do!" aveva tutte le prerogative per esser considerato una piacevolissima sorpresa.

Spesso é questione di aspettative, e stavolta più che mai non si poteva prescindere. Per il futuro basterà mantenere lo stesso livello di ispirazione e concentrarsi di più sugli arrangiamenti per ottenere il miglior risultato possibile. La strada imboccata è comunque quella giusta, manca solo un pizzico di mordente in più.

---
La recensione Denise - Recensione - Dodo, do! di Faustiko Murizzi è apparsa su Rockit.it il 19/07/2019

Commenti (19)

Carica commenti più vecchi
  • Faustiko Murizzi 03/11/2010 ore 16:40 @faustiko

    Mariolina... infatti l'ho scritto: per me il (piccolo) difetto è ascoltando la raccolta di canzoni nel suo insieme, ma prese singolarmente per gran parte di loro ci si potrebbe tirare fuori un singolo.
    Non per questo non si continua a tifare Denise, anzi...

  • paolo cattini 04/11/2010 ore 17:03 @smiths

    ...sono uno di quelli che ha scoperto denise grazie a radio deejay...e mi sono iscritto qui solo per dire che questo disco è bellissimo..poche pippe mentali..denise ha una voce particolarissima ed interessante , mi pare di capire sia giovane, e scrive benissimo..tutto il resto è noia..il mio mondo non è il vostro mondo...non sono indie per estrazione, ma amo la musica...burning flames è un singolo della madonna e sentirlo a deejay per me è una grande emozione..inland sea non so chi siate non vi ho mai sentito..e non so quale sia l'esperienza che vi/ti fa parlare..ciao ciao

  • paolo cattini 04/11/2010 ore 19:59 @smiths

    Inlandsea perdonami non era riferito solo a te il messaggio, a te mi riferivo sul fatto che dicevi di saperne qualcosa e quindi mi chiedevo in che senso ne sapevi qualcosa..ora me lo hai spiegato...ora vado ad ascoltare la vostra musica :) ciao

  • leo brazow 05/11/2010 ore 10:39 @leoge9se

    Voi di rockit certi artisti li pompate parecchio, è un dato di fatto, anche se devo dire che parecchie volte ci azzeccate. Per la recensione sono, stranamente d'accordo con faustiko, ovvero è un disco carino e le canzoni prese singolarmente sono gradevoli ma di certo non mi metterei a riascoltarmelo tutto

  • pippo pluto 14/11/2010 ore 18:56 @rokkitt

    scimmiotta emiliana torrini e lo fare pure male...

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati