< PRECEDENTE <
album June Leaves - the Storylines

recensione the Storylines June Leaves

Megaphone 2010 - Pop, Folk, Easy-listening

RECENSIONE
25/11/2010

Gustare i suoni-sapori degli Storylines non è solo un'esperienza possibile, ma anche auspicabile. Alle pendici delle montagne friulane, dove sorge la baita Megaphone, l'esordio in Lp della band di Pordenone è un tripudio di soffici melodie. Gli arpeggi vellutati o i rumori della natura campionati su trame elettroniche sono solo la superficie luccicante del primo ascolto. Basta poco per accorgersi che la montagna emana echi armonici e voci velate sospinte dal vento del nord. È lì, nei terreni fisici e sonori del Nord, che si forma un sound folktronico e ispido. Ma non ci troviamo di fronte ad un omaggio sterile alla Morr o ai neon dorati dei teutonici Notwist. Viene in mente ascoltando il parquet di legno e flamenco che sta dietro "Daisy", il rimbombo di feedback e tamburi artigianali che rammenda gli arpeggi di "Icarus", il chiaro-scuro di sguardi fatti di fucili e pietre di "Your Eyes Are Rifles". Come pioggia lieve sui vetri che si fa melodia, il sound della band, si traveste da canzone d'autore, ma trova nel confine con l'elettronica, il posto migliore su cui adagiarsi. Fra pelli di tamburo tirate al minimo e improvvisi tuffi in suoni artificiali, gli Storylines ci regalano dieci canzoni che odorano di "fatto in casa", di alba e tramonto, di coperte cucite negli anni dai parenti lontani. I rumori e i silenzi del mondo, i cigolii dei dondoli arrugginiti sotto temporali estivi ("Pond"), accettano volentieri l'anello melodico dell'altra dimensione, che guarda dall'alto il nostro pianeta ("Pink Star", "SP1"). In questo retroterra musicale perfettamente calibrato si innesta il gioco di voci che, come il vento tra le fronde, irrompe puntuale e deciso in ogni brano. Così facendo, il cantato impreziosisce le modalità sperimentate, siano esse duetti ("Happiest, the 3rd most enviable") o sovrapposizioni ("Sick of Goodbyes"). Tra cielo e terra, dunque, tra melodie spaziali e armonie da sporcarsi le mani con gli strumenti, la magia dell'officina Storylines abbellisce di colori sfumati la tela della nostra musica.

Tracklist

Ascolta su: Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti (3)
Carica commenti più vecchi
  • Faustiko Murizzi 25/11/2010 ore 17:34

    Complimenti vivissimi! Se la Morr vi mettesse in catalogo, non rubereste il posto a nessuno...

    > rispondi a @faustiko
  • Faustiko Murizzi 25/11/2010 ore 17:58

    ...e aggiungo: "Sp1" fra le canzoni più belle sentite quest'anno!

    > rispondi a @faustiko
  • Brown and the leaves 25/11/2010 ore 21:53

    avanti così ragazzi..

    > rispondi a @brownandtheleaves
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti