29/10/2010

Trio pistoiese, giunto dopo quello che a mio avviso era in tutto e per tutto un brillante debutto - "Thick As The Summer Stars", 2009, che poteva vantare la collaborazione dello statunitense Kramer (Low, Galaxie 500) - e che ora si confronta con il primo lavoro per l'eminente Deambula Records.

Recanti nella nominazione l'imprescindibile polarizzazione vita/morte (Ka Mate, è una danza Maori), la band sembra ri-produrre appunto un delicato dualismo suono/rumore, equilibrio macchinico capace di riservare belle sorprese. "Vincent" offre ampie reminiscenze slow-core (Low su tutti), per corollario un credibile suono indie wave. Shoegaze estetizzante ("My Psychedelic Teacher", "Pig'n Sheep In a Toothless"...) a riportare in auge, strato dopo strato, geologia inossidabile - The Telescopes, Jesus and Mary Chain, Swervedriver -, in modo deferente eppure svecchiando tematiche, è indubbio, ampiamente saccheggiate. In "Just An Explanation" siamo in ambito sadcore, con una triade armonica che reca il contrassegno degli 80, e siamo dalle parti dei Cure di "Pornography", e post punk/dark wave di là da venire. Apologia barocca in "Suga", dove la memoria mi rimanda ad antiche glorie mai troppo celebrate come Shelleyan Orphan e The Steppes.

Un disco manifestamente oscuro, mockumentary lucifugo, bella prova di sè: con sprazzi di aria e non pochi highlights - e un mare di belle promesse da mantenere.

---
La recensione Ka Mate Ka Ora - Recensione - Entertainment in slow motion di Gioele Valenti è apparsa su Rockit.it il 21/08/2019

Commenti (4)

Carica commenti più vecchi
  • Soul Of The Cave 29/10/2010 ore 11:39 @soulofthecave

    bello proprio, mi appaga in questo ottobre!
    J

  • DeAmbula Records 29/10/2010 ore 12:04 @deambula

    :?

  • Calaf 01/11/2010 ore 11:32 @calaf

    siete belli

  • pataweb 04/02/2011 ore 14:08 @pataweb

    bravi bravi

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati