12/01/2011

Sono esplosivi. Sono trascinanti. Sono freschi. Sono i Two Bit Dezperados, una formazione che collega Sardegna, Portogallo e Brasile, frullando le radici del rock'n'roll migliore con un tropicalismo accelerato e schizofrenico.

Attraverso la formula sempre valida del duetto vocale uomo-donna, basata principalmente sulla voce femminile di Angela, i Two Bit Dezperados creano un carnevale di suoni, con tamburelli, chitarre, maracas, fischietti e farfisa. Così attrezzato, il quartetto cavalca indiavolato sulle polveri del country e del garage-punk, creando pezzi come "Icarus", "Anne, it's gonna rain", "Get lost" e la marcetta ebbra "Alive/Dead". Ai quattro dezperados non manca niente. Di certo non manca la tecnica, l'estro o l'inventiva. Miscelano pezzi veloci, lenti e schizzati, cambiano tono e ritmo all'interno di uno stesso brano. Mixano le lingue, alternando il portoghese all'inglese – come fanno nella trascinante "Eu prefiro" – o l'italiano, come in "Ballare e suonare con te". E funzionano anche nei pezzi lenti come "I won't stay" e "Lucifer matches".

A volerli inquadrare per forza si possono citare Vermillion Sands, Capputtini 'i Lignu e Love Boat (di cui qui è presente un componente). Ma, a dirla tutta, i Two Bit Dezperados sono la novità che serviva. La novità che riesce a ravvivare una scena qualitativamente alta, ma che spesso rimane troppo uguale a se stessa.

---
La recensione Two Bit Dezperados - Recensione - Two Bit Dezperados di Sara Loddo è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Commenti (1)

  • Dama Rama 13/01/2011 ore 11:55 @damarama

    Prima bomba del 2011! Ottima scoperta ;)

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati