< PRECEDENTE <
RECENSIONE
13/12/2010

Hanno dalla loro una bella voce – al giorno d'oggi è raro avere doti naturali – e una sfacciata sicurezza, è chiaro: se anche il colpo andasse male avrebbero ancora tutta una vita davanti per rifarsi. Allora volano a Bruxelles e girano tre video (1, 2, 3) della stessa canzone, uno più leggero dell'altro. E secondo me sono i primi a non aver ben chiaro in testa l'obiettivo di suddetta operazione. Far inorridire qualche omofobo o altro? Si divertono e se qualcuno si indigna tanto meglio. Possono permettersi di fare canzoni che suonano spudoratamente XX ("Take me to the other side") e provarci (bene) con il folk ("Neil Young") tanto i pezzi che colpiranno il pubblico li hanno già messi a segno: "Matter Of Time" e "Santa Sofia". "Matter Of Time" è più curata, dettaglio dopo dettaglio, con il ritornello che rimane in testa e archi sintetici alla Laroux; "Santa Sofia" è certamente meno originale – elettropop veloce, grossi synth, e via - ma ugualmente efficace. Personalmente questo nuovo vestito dance mi piace meno, e forse rispetto al precedente "And everything fits in the yellow whale" si è fatto un piccolo passo indietro (una canzone bella al pari di "The Boat" qui non c'è); ma si tratta di sfumature, gli ep si fanno apposta per mescolare le carte e creare confusione. Il talento, le aspettative, la faccia da culo; tutto confermato. Si attende presto l'album.

Commenti (22)
Carica commenti più vecchi
  • Propano 14/12/2010 ore 18:46

    era un po' questo che intendevo. a volte le svolte elettroniche sono più acustiche di quanto sembri, a volte è meglio usare le proprie orecchie, senza saper nulla di ciò che circonda un lavoro, per valutarlo al meglio.

    detto questo non sono necessariamente in disaccordo con quanto espresso nella recensione, per quanto i criteri di valutazione risultino un po' nebulosi (non c'è un pezzo bello come the boat? secondo me ce ne sono almeno due superiori per scrittura, originalità e arrangiamento). Per fortuna che i punti di vista non sono uguali per tutti, forse sono solo abituato a una maggiore chiarezza nell'esprimerli.

    > rispondi a @propano
  • OLLA 15/12/2010 ore 18:48

    ma che bello questo ep. finalmente qualcosa di nuovo squarcia il panorama.

    > rispondi a @harembee
  • lichtung 16/12/2010 ore 00:47

    Mai avuto né ascoltato un loro disco.
    Visti dal vivo una volta: tre quarti d'ora difficilmente dimenticabili. Come leggere una pagina quasi per sbaglio, non saperla - nè, forse, volerla - ritrovare, ma accorgersi di non averla più perduta.

    > rispondi a @lichtung
  • franz goria 18/12/2010 ore 03:26

    un po' un nulla totale, comunque giusto per rompere i coglioni a chi scrive cazzate a gratis chiedendo il giusto euro
    " .. gli ep si fanno apposta per mescolare le carte e creare confusione. Il talento, le aspettative, la faccia da culo; tutto confermato. Si attende presto l'album. "

    Gli EP si fanno perchè mi dovresti spiegare il senso di fare gli album oggi. Forse è il caso che questa domanda cominci ad aleggiare anche nel mondo di chi dice " si attende a presto l'album". Ma quale album? e per chi? e cosa significa fare un disco oggi in italia? Non è una polemica, ma uno spunto di riflessione. Dopodichè io non aspetto nessun album di questo nulla.

    > rispondi a @franzgoria
  • Andrea Grilli 21/02/2011 ore 03:48

    scusate ma se io volessi questo ep sul mio pc. potreste spiegarmi come dovrei fare? l'ep non riesco a trovarlo da nessuna parte online. solo qui in streaming. grazie.

    > rispondi a @andreagrilli
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >