Buzz Aldrin Buzz Aldrin 2010 - Punk, New-Wave

Disco della settimanaBuzz Aldrin precedente precedente

Musicalmente parlando che forma potrebbe assumere un incubo? Dal mio personale punto di vista penso all'esordio degli Stooges, all'omonimo dei Suicide (che sia "Ghost rider", "Rocket U.S.A." piuttosto che "Frankie Teardrop", pezzi su cui la band avrà studiato a memoria), a "Heroin" dei Velvet Underground e a "Kollaps" degli Einsturzende Neubauten. La storia del rock ci dice che la lista potrebbe essere molto più lunga (si legga la recensione del demo per altri riferimenti) e ci sbilanciamo al punto da segnalare ad un'ipotetica giuria il disco dei bolognesi in questione, affinché possa trovare spazio in una altrettanto ipotetica "Hall of fame".

Messe da parte fantasie e congetture, se nel 2010 ha ancora senso parlare di album come raccolta di canzoni, il terzetto ne é la prova vivente. Qui dentro nulla può considerarsi un riempitivo, anzi: "Buzz Aldrin" rappresenta un'emozionante discesa negli inferi, un percorso in 9 tappe che toglie il fiato costringendoti ad andare in riserva d'ossigeno. Esattamente come succede durante quegli incubi che pensi non finiranno mai e invece, d'improvviso, ti ridesti sconvolto, sudato e in affanno.

Sicché l'uno-due-tre iniziale é da manuale: "Eclipse" ipnotizza e con quel ritmo tribale ti fa cadere in trance per poi risvegliarti nell'esplosiva coda del finale, mentre la successiva "The fall" é uno schiaffo in loop che ti accompagna fino alle prime note di "Giant rabbits...", la canzone che insieme a "White church" rappresenta i vertici assoluti di un'opera dove l'entropia (inteso come fattore creativo) regna sovrana.

Si intuisce così che, rispetto ai primi vagiti, i tre abbiano maturato quell'abilità nel forgiare atmosfere e sonorità che nel tempo li porterà ad emanciparsi dai modelli di riferimento. Perché era da un bel pezzo che in città non si sentiva una cosa così ruvida ma allo stesso tempo affascinante, talmente bella in questa veste primordiale da farti perdere la testa. Proprio come quei film di David Lynch in cui la costruzione della realtà sembra fondersi col subconscio.

---
La recensione Buzz Aldrin di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2010-11-05 00:00:00

COMMENTI (10)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • engramedia 10 anni Rispondi

    Un albumone. Bravi!

  • valves 11 anni Rispondi

    sto disco è una bomba.
    danio, dalle valvole e dal locomotiv

  • seymour 11 anni Rispondi

    uhauhahah damarama è più bravo!
    auahahah

  • briscola 11 anni Rispondi

    DAMARAMA E' PIU' BRAVO

  • on2sides 11 anni Rispondi

    grandissimi

  • pain 11 anni Rispondi

    Grandi su cd... ma Spettacolari dal vivo!
    Bravissimi i Buzz e ottimo lavoro! :)

  • drinktome 11 anni Rispondi

    mah, ok sul "che pezzo", ma i suicide non saprei... non solo "quantitativamente". anche qualitativamente c'è dall'altro.a proposito di questo pezzo comunque appena l'hanno introdotto anche dal vivo una cosa era chiara: il miglior cantanto di giallo!!


    e il disco è cattivo! viva i buzz aldrin!!!!!!!11

    m.

  • valves 11 anni Rispondi

    complimenti per eclipse

  • danceforburgess 11 anni Rispondi

    bel lavoro ragazzi!!

  • faustiko 11 anni Rispondi

    Beh, "Eclipse" sono i Suicide!!!! Che pezzo!!