14/01/2011

Osselico. Sarà l'unione delle parole ossa e psichedelico? Forse... Il demo - omonimo - consta di cinque tracce per una durata complessiva di 28 minuti circa ed è autoprodotto. Purtroppo, aggiungerei. La qualità della produzione non rende giustizia né al sound né al sincero ed estremo gusto compositivo della band che ha reso fresco un certo hard-rock/progressive dei Seventies, soprattutto quello di stampo italiano.

Apre le danze "Nulla tra noi", una canzone che mette in risalto la primaria importanza delle voci in questo lavoro. Piuttosto variegate e azzeccate, con un certo sapore osbourniano. Non meno rilevante la chitarra dannatamente progressive e quasi proto-doom che è la seconda vera protagonista (non dimenticando i buonissimi synth), cosi come notiamo nelle tracce strumentali "Anima" e "Outro". Capitolo più riuscito è "Cose oscure", pregevolissima suite di 8 minuti, a cavallo tra proto-doom e hard rock settantiano.

Tirando le somme non resta che porgere un plauso agli Osselico e alla loro prima fatica. Aspetto il loro prossimo disco confidando in una produzione migliore, in una ricerca ancora più personale del proprio sound e in liriche molto più ispirate.

Commenti (2)

Carica commenti più vecchi
  • osselico 15/01/2011 ore 19:12 @osselico

    grazie per la bella recensione. osselico sarebbe l'acronimo di ossario psichedelico e sottintende vecchi riff morti e sepolti riesumati nelle tapes:[:
    un saluto, Dino

  • Marco Squillino 18/01/2011 ore 10:22 @marcosquillino

    Lieto che sia piaciuta ;)

    Aspetto il prossimo lavoro Dino!

    Un saluto,
    Marco S.:[

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati