Flam&co Ondanuova 2001 - Strumentale, Etnico, Acustico

precedente precedente

Ondanuova, il nuovo lavoro del gruppo Flam&Co, è un disco orecchiabile che bene introduce l’ascoltatore nelle atmosfere della musica latina espressamente mediterranea.

Ondanuova si apre con il pezzo “Aleriante”, un brano ben arrangiato ma debole, troppo melenso; con “Yemania” il ritmo si fa più incalzante, anche se il vero pathos artistico si riesce a distinguere solo a partire con “Sounds of Wood”: la partecipazione di Antonella Leotta è stata decisiva per la buona riuscita di questo pezzo che è sicuramente il migliore del disco, quello che meglio trasmette lo spirito della levatura artistica dei Flam&Co. “Polo Sud” e “Tarantella” sono pezzi orecchiabili, discreti gli arrangiamenti, sufficientemente trascinanti: occorre ascoltarli più e più volte perché possano esser apprezzati. “Alma latina” insieme a “Mediterraneo” risultano essere due ottimi brani, entrambi carichi di vitalità, leggermente malinconici, uniscono sapientemente la quiddità musicale latina a quella popolare, il risultato è pregevole. “Tres Tango”, purtroppo, è una nota stonata all’interno di “Ondanuova”, per quanto occorre rilevare che Giancarlo Cutuli con il suo sax tenore dà vita ad un raro esempio di virtuosismo musicale quanto espressivo. “0ndanuova”, brano che dà anche il titolo a questo lavoro del gruppo, è tecnicamente perfetto o quasi, peccato che trasmetta ben poche emozioni all'ascoltatore: questo è il prezzo da pagare quando si esagera con il virtuosismo.

I brani scritti per la maggior parte da Carnemolla, Genovese e Cutuli per “Ondanuova”, nel loro insieme, sono un buon lavoro anche se non è il caso di proporre i Flam&Co come rappresentanti massimi della musica mediterranea, del Mare Nostrum; in un futuro non lontano, forse, potrebbero meritarsi il titolo di autentici ambasciatori della musica Mediterranea. Possono migliorare: una minor specificità tecnica nell’esecuzione dei brani, forse, gioverebbe a dar maggior risalto al pathos latino musicale, pathos che Genovese e Carnemolla sentono dentro la loro anima ma che, temo, abbiano ancora paura a manifestare appieno.

“Ondanuova” è stato quasi interamente registrato e mixato presso lo Studio Tower Hill di San Pietro Clarenza; ottima la realizzazione grafica del cd a cura di Ada Severino, una grafica sobria, calda, latina.

---
La recensione Ondanuova di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2001-09-15 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia