Robert Miles Thirteen 2010 -

Thirteen precedente precedente

Torna Robert Miles, conturbante pseudonimo di Roberto Concina, tra i principali e più geniali propulsori della dance targata anni 90. Prevista per il febbraio 2011, l'uscita è un po' summa e superamento delle tematiche care all'artista, verso e recto di pagine già ampiamente scritte, ma anche sagacemente rifunzionalizzate.

Magniloquente e allo stesso tempo scarno il mood di "Orchid Miracle", leggiadra ouverture tra arpeggi adamantini e visioni oniriche. Afflato post e arabesque per "Moving", con fiati a sottintendere una batteria seventies - molto vicino agli Air di "The Virgin Suicides". Piano arioso dalle movenze ambient piuttosto che new age in "Somnambulism". Segaligno il quattro quarti di "Black Rubber", dove una valanga di riferimenti settanteschi danno di gomito alla black music, e così sfilano i T Rex, gli Stones e gli Steppenwolf in un coacervo lisergico e inusitatamente credibile. Riflessivo e progressive, insolente e circolare il sound di "Antimony", esempio tra le tante pulsioni avanguardistiche che costellano i solchi di questo lavoro.

Dolcissimo l'epilogo di "The Wolf", tra le suggestioni di un piano d'antan e lo sguardo all'Europa, mai più decadente d'adesso. L'artista sarà protagonista di vari showcase insieme a Robert Fripp (King Crimson), Mike Patton e John Thorne (Lamb) in un melange di alternative rock, elettronica e sperimentazione tout court.

 

---
La recensione Thirteen di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2011-02-10 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • leo 11 anni Rispondi

    E chi se lo aspettava :-D
    Grande Roberto, 20 anni fà (15 forse) ci stupivamo, con il mio amico DJ, delle tue innovazioni nella muica dance ed ora che in discoteca non ci metto più piede, ti ritrovo a "suonare" rock
    Mi piace

IL TUO CARRELLO