On 1+1=2 2001 - Sperimentale, Rock, Psichedelia

precedente precedente

Ritorno discografico per gli On, al loro secondo album dopo “Acque” (1999). La band comasca continua la propria ricerca nei territori dell'elettronica, sempre con uno sguardo agli anni Settanta e alla musica d'avanguardia. “1+1=2” si apre con “AM-FM”, una sintonizzazione sulle frequenze radio dell'etere mondiale: una babele di lingue che spiana il terreno ad un incedere ossessivamente dark.. Totale cambio di registro con la successiva “In”: spazio alla chitarra elettrica ed al virtuosismo. “Evelin” è forse la traccia che maggiormente, per le sonorità, ci riporta al precedente “Acque” (assieme a “Scent of angel”) ed il parlato grave richiama alla mente il buon vecchio “Rock 'n roll animal” di Lou Reed. “Scent of angel”, dall'attacco dolcissimo, ci trasporta lontano, a cavallo di atmosfere trasognanti, così come “Lullaby”. I Pink Floyd tornano in “Part 1=”, seconda traccia di “1+1=2”, pezzo tripartito che dà il titolo all'album. Una nota per “Into the clouds”, brano che nel dicembre dello scorso anno è stato inserito in una compilation (“2220 Reflex 2000”) di una casa discografica di Chicago, la 20to20soundesign (ex Viable Records).

Conclude l'album il lunghissimo viaggio di “D.N.A.” e gli On confermano di essere ormai una realtà e non più una promessa nel panorama delle sperimentazioni sonore nostrane.

---
La recensione 1+1=2 di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2001-09-27 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia